Il mercato delle auto procede a velocità supersoniche, ma alcune storiche linee possono insegnare ancora molto. Famosissima la Peugeot 205, veicolo più venduto in assoluto del “Leone” con oltre cinque milioni di esemplari.

LA GESTAZIONE - Avviato il progetto“M24” nel 1977 per rimpiazzare la 104, gli investitori desiderano un modello estremamente versatile e affidabile. Sebbene chiedano dimensioni leggermente più grandi in modo da favorirne abitabilità e capacità di carico lo scopo è dominare il segmento delle utilitarie. Esteticamente il Centro Stile conta sulla consulenza di Pininfarina e per la prima volta la Casa di Sochaux utilizza il Computer-Aided Design, tecnologia informatica grazie alla quale vengono realizzati disegni molto precisi in breve tempo. Un’altra squadra lavora intanto sulla parte meccanica col telaio progettato secondo direttive che impongono peso ridotto, ottimo comfort ed eccellente tenuta di strada.

UNA LUCIDATA ALLE CROMATURE - Difficoltà economiche perseguitano nel frattempo il gruppo PSA. Accumulati diversi insuccessi l’ultimo prodotto ha il gravoso compito di risanare i bilanci e così la carrozzeria deve inevitabilmente rivelarsi resistente alla corrosione. Gran parte dei lamierati subiscono a tale proposito la zincatura e alcuni componenti vengono fatti in plastica. Principi che inducono al primo prototipo del 1981, sottoposto ad altre operazioni di affinamento e modernizzazione come i gruppi ottici anteriori, a forma trapezoidale.

FASI CONCLUSIVE - La vettura definitiva finalmente arriva e da lì giungono probanti test in condizioni ambientali ed atmosferiche estreme. Solidità e resistenza vanno infatti accertate a ogni costo e una volta ottenuti i verdetti auspicati cominciano i preparativi finali. Inizialmente avrebbe dovuto chiamarsi 105, così da sottolinearne il legame assieme alla propria antenata, ma i piani cambiano e nel gennaio 1983 debutta la ribattezzata 205. La produzione parte il 24 febbraio dello stesso anno, ma solo nel mese di novembre sbarca in Italia, sostenuta fortemente dalla stampa internazionale.