La Peugeot 205, come certamente saprete, ha segnato un’era dell’automobile. Meno conosciute invece le varianti, che dal mitico modello transalpino ne emulano la stessa natura, impreziosite tuttavia da tocchi unici, come la GTi 1.9 16V Gutmann.

POCHE, MA SOSTANZIALI MODIFICHE – Progettata dall’elaboratore tedesco Kurt Gutmann negli anni ’80, la vettura torna a far parlare di sé dopo essere ricomparsa durante “Auto e Moto d’Epoca 2013”. Sue particolarità sono l’adozione della testata a 16 valvole, la stessa inserita nella 309 GTI 16v, e la centralina con mappatura specifica, radiatore dell’olio, rinnovato filtro aria e scarico sportivo. Rispetto alla 205 “classica” il look rimane praticamente identico. Unica modifica gli pneumatici 195/50-15 su cerchi in lega Gutmann 7×15”, provvisti di canale in nero lucido e logo “i 16V” sul portellone. Meccanicamente invece le sospensioni sono ribassate di 30 mm con aggiunta di barra duomi anteriore, disco frizione rinforzato oltre che sinterizzato, nonché pastiglie freno munite di mescola speciale. Il rapporto della quinta marcia è inoltre allungato, mentre, sul fronte opposto, quello finale scende.

ROMBANTE GIOIELLO - Gli appassionati delle macchine d’epoca trovano uno sballo il volante a tre razze, senza dimenticare la manovrabilità della leva cambio con pomello specifico e la strumentazione a fondo chiaro. Eleganza associata a una straordinaria potenza considerata l’epoca, fissata a 160 cavalli tramite un superlativo lavoro di ingegneria. Oltre 220 km/h la velocità massima, il passaggio da 0 a 100 avviene in soli 7,2 secondi, numeri che non hanno praticamente nulla da invidiare alle giovani generazioni. Se siete arrivati fin qui avrete senza dubbio capito quanto l’esemplare abbia le giuste credenziali per fare nuovamente sognare chi ama ricordare i bei tempi lontani con uno spirito dinamico. Difficile tuttavia reperirla, data la sua produzione limitata a poco più di 300 esemplari, inclusi una decina destinati al mercato italiano.