Un city crossover dalla grande flessibilità e dal richiamo internazionale. La nuova Peugeot 2008, la prima vera world car del Leone, si è presentata al Peugeot Is Bobino di Milano. E per l’occasione si è vestita a festa, mostrando il suo lato più glamour con la versione Castagna. Una lavorazione, quella dell’omonima carrozzeria milanese, che soddisfa i desideri di personalizzazione del proprietario, grazie ai kit messi a disposizione dal Marchio. Si trasforma in compagna alla “Indiana Jones”, instancabile e affidabile in viaggi avventura come il Mongol Rally 2014 o la tappa Portogallo-Giappone del Peugeot World Tour di Andrea Tozzi attualmente in corso. Inoltre è la base su cui è stata sviluppata la “muscolare” DKR con cui Peugeot disputerà la prossima edizione della massacrante Dakar.

Da sempre lo stile Peugeot è caratterizzato dall’attenzione al dettaglio – spiega Eugenio Franzetti, Direttore Relazioni Esterne Peugeot Italia – ma anche alla semplificazione delle forme e del linguaggio, per liberare il design dal superfluo e restituirlo all’essenza della purezza delle linee e dei colori. La 2008 si presta alla perfezione a questa trasformazione che Castagna, dopo l’analoga positiva esperienza su 508 RXH, ha svolto nel suo solito modo molto personale”. Il cruscotto della 2008 Castagna è cromaticamente diviso in una parte superiore ed una inferiore: il centro diviene vera modanatura in Alcantara rossa, sempre in stampa resina 2D, impreziosita da un’unica cucitura incrociata in filo bianco come i nuovi elementi laccati. A completare la dotazione della 2008 Castagna un set di sei borse che impiega i materiali dell’abitacolo e riporta le medesime finiture. Appositamente studiate per gli sport outdoor sono leggerissime, particolarmente robuste ed impermeabili.

LEGGI ANCHE

Peugeot Competition 2014: la 106 di Iraldi al photofinish su Covo

Peugeot 2008: una tuttofare elegante e conveniente

Girlitude Peugeot 2008: personalità e comfort nella giungla urbana