Fino a dieci giri dalla fine del Gran Premio, il podio rispettava esattamente le previsioni della vigilia. I primi tre piloti in classifica generale sarebbero stati anche i leader dell’appuntamento canadese. Invece qualcosa è andato storto soprattutto per Alonso e Vettel.

Quello che ha distinto la strategia di Perez è stato un passa gara molto sostenuto e una macchina in grado di supportare la strategia ad una sola sosta che invece non ha dato ragione alla Ferrari. Gli errori di quest’ultima hanno finito per regalare il secondo podio al messicano.

Ecco la dichiarazione di Perez, che tra l’altro era partito dalla quindicesima postazione:

Ad essere onesto, quando parti quindicesimo, l’ultima cosa che pensi è che puoi finire sul podio. Abbiamo scelto una strategia aggressiva, con il primo ed il secondo stint piuttosto buoni, anche se la sosta ai box è stata un po’ lenta. Ho fatto anche dei sorpassi e il degrado degli pneumatici non era così alto sulla mia vettura, così ho gestito il mio ritmo ed ho avuto la meglio su altri piloti.

Il risultato ottenuto da Sergio Perez è stato interessante sia per la sua carriera nel Circus ma anche e soprattutto per la squadra che ha dovuto far fronte a delle qualifiche pessime, per via di una serie di problemi legati ai freni.