Vettel è stato punito durante il Gran Premio di Monza per aver esagerato nelle manovre, proprio mentre Alonso tentava il sorpasso. Per il tedesco si è trattato di un errore dei giudici di gara, in realtà, come spiega Pirro, dal Bahrein in poi le regole sono molto chiare. 

Pirro è un ex pilota di formula Uno e a Monza era presente per far parte del team di commissari di gara. Lui, meglio di tanti altri, ha saputo spiegare le ragioni della penalità inferta a Vettel. Di certo c’è che il tedesco della Red Bull è stato giustamente punito. 

Ecco la spiegazione:

Un pilota che si trova davanti può scegliere la traiettoria che vuole fintanto che quello che segue non gli affianca una parte della macchina alle ruote posteriori: in questo caso è costretto a lasciargli lo spazio di una monoposto per restare in pista. Il provvedimento che ha colpito Vettel, quindi, è giusto: Alonso aveva ben più di un baffo dell’ala alle gomme della Red Bull.

Questa definizione è arrivata dopo il gran premio del Bahrein, dove Nico Rosberg ha praticamente spinto Hamilton a sorpassarlo, oltrepassando la linea della pista e costringendo, al tempo stesso, Alonso a ridurre la velocità.