Dani Pedrosa lascia la MotoGP. Per ora a tempo indeterminato. La notizia shock è stata data dallo stesso pilota della Honda al termine della prima gara stagionale in Qatar, dove il catalano ha chiuso solo al sesto posto dietro anche al compagno di squadra Marc Marquez, vittima di un “lungo” in partenza. Il pilota della Honda ha fatica parecchio nella notturna di Losail non tanto per lo scarso feeling con la moto campione del mondo ma per un cronico problema al braccio destro che si trascina ormai da diversi mesi e gli impedisce di guidare al meglio delle sue possibilità.

Pedrosa lascia la MotoGP per problemi a un braccio

La diagnosi è quella di una sindrome compartimentale all’avambraccio che soprattutto durante la gara lo condiziona parecchio: “Ho sofferto in silenzio, ma è difficile gestire questa situazione – ha detto Pedrosa -. Già da un anno ho tantissimi problemi col braccio destro. Le ho provate tutte per guarire, ma non ci sono riuscito. Ho anche subito un’operazione, che però non ha dato alcun miglioramento. Ho viaggiato per tutto il pianeta, consultando diversi medici per cercare una cura efficace e una soluzione. Mi hanno sconsigliato un altro intervento, ma è evidente che non posso correre in queste condizioni: già da tempo non riesco a dare il massimo”.

Pedrosa lascia la MotoGP, non è ancora ritiro ma…

Quindi la decisione di lasciare la MotoGP a tempo indeterminato è chiara: “Non voglio più soffrire così e del resto non posso continuare a correre: devo riprendere la mia strada per cercare di sistemare il mio problema. Non so dire che cosa sarà dopo questo mio annuncio, però voglio ringraziare il team, che sapeva di queste mie difficoltà e mi ha sempre sostenuto”. La parola “ritiro”, dunque, non è stata pronunciata direttamente dal pilota nè comunicata ufficialmente dal team Honda ma l’ipotesi non è escludere.

Pedrosa lascia la MotoGP, clamoroso ritorno di Stoner?

Per ora Pedrosa ha in preventivo una lunga pausa per recuperare al meglio ma la Honda deve affrettarsi per trovare un sostituto. L’ipotesi più suggestiva, ma di difficile realizzazione, è quella di Casey Stoner che ha già annunciato il suo ritorno in pista ma alla 8 ore di Suzuka e con una Honda in versione SBK. C’è da scommettere che in caso di ritiro ufficiale di Pedrosa, in casa HRC si farà di tutto per convincere il “canguro” a un clamoroso ritorno. Per una supersfida interna con Marquez e una nuova puntata contro Yamaha e la “sua ex Ducati“, tornata competitiva anche senza di lui.