Dopo l’infortunio di Stoner e soprattutto dopo i successi e i piazzamenti costanti ottenuti in pista, Pedrosa si configura come il diretto avversario di Jorge Lorenzo. Il circuito di San marino, per lui, rappresenta un banco di prova, così come per la moto. 

In questo fine settimana si correrà il tredicesimo appuntamento della stagione motociclistica, con in gran premio di San Marino che si disputa sul circuito di Misano, quello che originariamente era il Santa Monica e che adesso è stato ribattezzato “Marco Simoncelli Circuit“.

Pedrosa sa che quest’anno la gara ha un sapore diverso: primo perché è all’inseguimento di Lorenzo e sente di avere buone possibilità di passare in vetta, poi perché la Honda deve misurarsi con un terreno che in passato le è stato sempre avverso, ma adesso la moto è molto evoluta dal punto di vista tecnico.

Ne parla lo stesso Pedrosa:

Misano è un circuito particolare, presenta molte frenate e accelerazioni e ci sono diverse buche. Il livello di grip cambia tanto dal mattino al pomeriggio e questo complica sicuramente il lavoro. In passato la nostra moto è stata piuttosto instabile qui, ma credo che quest’anno la situazione sarà diversa perché la moto è migliorata molto.

A Misano, per la Honda, ci sarà ancora Rea in pista come sostituto di Stoner.