Pedaggi autostradali più cari nel 2015. Come di consueto, il 1 gennaio è scattato l’adeguamento per l’intera rete autostradale italiana con aumento medio dell’1,32% senza superare il tetto massimo dell’1,5% garantito nei giorni scorsi dal ministro Maurizio Lupi. Le tratte gestite da Autostrade per l’Italia subiranno un rincaro dell’1,46% mentre le altre restano intorno all’1,5% calcolando che il pedaggio del traforo del Monte Bianco aumenterà del 2,59% (0,19% è dovuto alla componente inflattiva, il 2,4% legato alle maggiorazioni tariffarie). Gli aumenti decisi dal governo sono comunque inferiori rispetto a quelli auspicati da alcuni gestori che chiedevano, in alcuni casi, anche il 5%.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, unitamente al Ministero dell’Economia e delle Finanze, “hanno ritenuto obiettivo prioritario di interesse pubblico l’adozione di ogni misura idonea a consentire il superamento dell’attuale negativa congiuntura economico-finanziaria e considera la calmierizzazione degli adeguamenti tariffari per l’anno 2015, entro l’1,5%, una misura necessaria al conseguimento di tale obiettivo”.

Il 2015 vedrà anche il consueto adeguamento biennale all’inflazione degli importi delle sanzioni come recita l’articolo 195 del Codice della Strada. Stando ai dati Istat, l’aumento dovrebbe essere dello 0,8% e andrà a scattare dal 10 gennaio 2015. Nessun aumento per le accise sui carburanti, grazie alla clausola di salvaguardia prevista dal decreto Imu del 2013, ma arriverà la Legge di Stabilità manderà in soffitta l’esenzione del bollo per le auto e le moto storiche, cioè di età compresa tra i 20 e i 30 anni.

Ecco tutti gli adeguamenti dei pedaggi autostradali:
Asti-Cuneo S.p.A. 0,00%
ATIVA S.p.A. 1,50%
Autostrade per l’Italia S.p.A. 1,46%
Autostrada del Brennero S.p.A. 0,00%
Autovie Venete S.p.A. 1,50%
Brescia-Padova S.p.A. 1,50%
Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%
CAV S.p.A. 1,50%
Centro Padane S.p.A. 0,00%
Autocamionale della Cisa S.p.A. 1,50%
Autostrada dei Fiori S.p.A. 1,50%
Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. 1,50%
Tangenziale di Napoli S.p.A. 1,50%
RAV S.p.A. 1,50%
SALT S.p.A. 1,50%
SAT S.p.A. 1,50%
Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. 0,00%
SATAP Tronco A4 S.p.A. 1,50%
SATAP Tronco A21 S.p.A. 1,50%
SAV S.p.A. 1,50%; SITAF S.p.A. 1,50%
Torino – Savona S.p.A. 1,50%
Strada dei Parchi S.p.A. 1,50%

photo credit: ntr23 via photopin cc

LEGGI ANCHE

Pedaggi autostradali: arriva la denuncia di Assotrasporti

Pedaggi autostradali: una storia di aumenti inarrestabili

Pedaggi autotrasportatori: riduzione previste in base al fatturato

Autostrade: calcolate i pedaggi in pochi click

Autostrade pedaggi: anno nuovo, nuovi rincari