Quarta tappa della nostra lunga intervista con Paolo Andreucci che lo scorso aprile, insieme ad Anna Andreussi, è venuto a trovarci nella redazione di Leonardo.it dove ha vestito i panni di “Direttore per un giorno”. Siamo partiti dal suo rapporto con Peugeot a quello con Anna Andreussi fino ai rally attuali rispetto al passato. Nell’ultimo spezzone si parla di uno dei tanti record del pilota di Garfagnana: allo scorso rally di Sanremo, dopo ben 58 gare, è arrivato il primo ritiro per l’equipaggio ufficiale del Leone. Un dato che “conferma la validità delle macchine di Peugeot e la loro resistenza – spiega Andreucci -. Nei rally sono sottoposte a sollecitazioni estreme. Ci aggiungo la qualità dei meccanici della squadra e anche dell’equipaggio visto che siamo riusciti a non commettere errori gravi”.

Tra le tante vetture Peugeot guidate da Andreucci (dalla 106 alla 208 T16), il ricordo speciale è quello del 2009 con la 207 S2000 della Racing Lions contro cui aveva combattuto l’anno prima: “L’abbiamo modificata nell’assetto ed è stata una grande soddisfazione portarla alla vittoria”. I successi nel Rally dell’Adriatico, di San Marino e nel Costa Smeralda lo hanno portato ad essere per la quarta volta Campione Italiano Rally facendo vincere il titolo costruttori alla casa del Leone.

Ecco l’intervista video: 

LEGGI ANCHE

Paolo Andreucci, il campione di rally si racconta

Andreucci-Andreussi coppia vincente, l’intervista di Leonardo.it

Paolo Andreucci: storia di un campione in Peugeot

Andreucci “Direttore per un giorno”

Targa Florio: Andreucci vince ancora

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni

CIR: la stagione più interessante della storia