Cosa ha fatto tornare sul podio dopo oltre venti gran premi anche Felipe Massa e cosa ha dimostrato la Red Bull con il primato segnato da Vettel? E l’outsider di giornata? Cerchiamo di analizzare la performance dei tre piloti finiti sul podio attribuendo loro un voto. 

Vettel è il più giovane bicampione del mondo quindi negli anni scorsi ha dimostrato di avere talento nel guidare una macchina veloce. La Red Bull, però, all’inizio dell’anno era sembrata un po’ sottotono, soltanto a Suzuka si è riscoperta troppo veloce per tutti gli altri.

Vettel ha conquistato la pole e poi ha siglato una vittoria pazzesca, ha fatto piazza pulita dei rivali. L’unica pecca della sua performance è il tentativo di fare il furbo con Alonso. Avrebbe potuto perdere qualcosa. Comunque 10, senza lode, vediamo se anche in Corea la Red Bull c’è.

Felipe Massa da qualche gran premio è tornato in grande spolvero e finalmente è arrivato il podio che a Maranello aspettavano da tempo. Un secondo piazzamento desiderato e inaspettato che arriva proprio nel giorno nero di Alonso. Sicuramente si merita un bel 9 il brasiliano, che in attesa del rinnovo del contratto dimostra comunque di essere un perfetto stratega.

9 anche per Kobayashi che fa gioire soprattutto i tifosi orientali finalmente di nuovo sulla cresta dell’onda dal quel lontano 1990. Il samurai del Circus ha rispolverato i coltelli, infiammando il pubblico e tenendo alla larga insidiosi inseguitori come Button.