Alla fine ne abbiamo parlato tanto, del motogp di Laguna Seca, perché ha dimostrato che per Stoner c’è ancora un podio libero, perché la lotta per il titolo iridato è sempre più legata ai nomi di Stoner, Pedrosa e Lorenzo e perché il nostro Rossi è caduto pochi giri prima della conclusione della gara. 

Ma oltre alla cronaca e ai fatti salienti, adesso che gli animi sembrano essersi raffreddati, possiamo anche fare le nostre pagelle, iniziando proprio dal podio.

Sul gradino più alto del Motogp americano, ci è salito Stoner che non era in pole e mentre tutti pensavano che Lorenzo potesse avviarsi in scioltezza verso la quarta vittoria consecutiva del Gran Premio di Laguna Seca, l’australiano non ha fatto un solo errore. Una gara perfetta la sua. E’ stato premiato anche l’azzardo: il montaggio della gomma morbida sul posteriore. Nove e mezzo nella speranza di vedere ancora successi da questa Honda.

Lorenzo non va oltre l’otto pieno perché ha vanificato gli sforzi del week-end lasciandosi andare troppo durante la gara americana. E’ vero che ha vinto tutte le ultime quattro edizioni di questo motogp, ma non vuol dire che sia l’unico pretendente al trono iridato. Un po’ troppo superbo stavolta.

Il terzo sul podio è Pedrosa che si merita un otto meno meno. E’ un grande pilota e l’ha dimostrato, ma è ancora imperfetto nella gestione della gara, quindi a fronte di una partenza strepitosa non riesce poi a concretizzare il risultato.