Abbiamo visto insieme che bei voti possiamo attribuire ai protagonisti della gara americana di Indianapolis: Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso che hanno composto il podio. Eppure Indy è stata importante anche per altri piloti. Vediamo di valutare le prestazioni di alcuni di essi. 

Sul podio voti altissimi per Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso. Ma diciamo subito che in quarta posizione troviamo un altro campione: Casey Stoner. Purtroppo è caduto nelle fasi preliminari della gara e questo gli ha comportato molto dolore fisico. Eroicamente è arrivato alla griglia di partenza ed ha spinto a tutta. Si è poi dovuto arrendere  alla tenacia del nostro Dovi.

Per l’australiano, comunque, ci vuole un bel nove. Anche lui, infatti, avrebbe potuto mettersi da parte, abbandonare la lotta iridata e pensare al suo ritiro. Invece è stato combattivo e determinato a dare spettacolo. Grazie Casey.

Bautista e Bradl in quinta e sesta posizione sono stati molto bravi. Il tedesco, in particolare, sta collezionando un buon numero di piazzamenti. Bautista, da qualche gara, è molto più concreto che all’inizio della stagione. La sufficienza ci sta tutta per loro.

Mentre non possiamo attribuire un voto sufficiente a Rossi che ancora una volta ha sbagliato nella gestione della gara e se ha chiuso in settima posizione lo deve soprattutto ai problemi di chi lo ha preceduto: Crutchlow e Spies. Un quattro meno meno, Vale, non te lo toglie nessuno.