Il primo esemplare di Pagani Huayra è in vendita. Dopo la famosa Zonda, la casa automobilistica fondata da Horacio Pagani ha lanciato il secondo performante modello. I pezzi sono pochi e ambitissimi dai collezionisti tanto che ha fatto notizia la messa in vendita del primo esemplare di questo ricercato modello. JamesEdition, sito specializzato nella vendita di beni lussuosi, ha infatti messo in vendita la Pagani Huayra numero 001, dichiarando che il modello in questione è il primo a essere stato prodotto dal marchio italiano, almeno a detta del venditore. L’auto si trova a Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita, e si mostra in una livrea blu con strisce bianche e pezzi di carbonio a vista. Prezzo e chilometraggio restano top secret.

Lo studio della Pagani Huayra è iniziato nel 2003, anno della presentazione della Zonda S Roadster, e gli otto anni necessari a completare la Huayra sono stati utilizzati per studiare e perfezionare le numerose soluzioni tecniche che nel frattempo erano state utilizzate sulle vetture della famiglia Zonda. Huayra è spinta dal V12 M158 AMG, costruito su specifiche Pagani. Il propulsore, un biturbo da 5.980 cm³, eroga 700 CV nella versione standard (730 in configurazione hi-power) oltre ad una coppia di 1.000 Nm per una velocità massima dichiarata di 370 km/h.

A livello di dimensioni, Pagani Huayra è più lunga, con un passo di 70 mm maggiore rispetto a quello della Zonda, una posizione di guida più arretrata di 40 mm ed un abitacolo più spazioso. Il telaio è una struttura monoscocca, realizzata in una speciale lega di carbonio-titanio, già vista sulla Zonda R, più resistente della fibra di carbonio semplice. Come per il telaio, anche le sospensioni, realizzate in Avional, indipendenti e a doppio braccetto, sono state prima testate sulla Zonda R mentre gli ammortizzatori regolabili sono forniti dalla Öhlins.

Pirelli ha creato dei pneumatici progressivi con un ottimo grip in ogni situazione ed un basso coefficiente di rotolamento. Ogni aspetto legato alla sicurezza è stato curato soprattutto per tenere conto della dinamica con la quale si verificano gli incidenti più frequenti su vetture ad alte prestazioni con motore posteriore. La cellula dell’abitacolo è stata inoltre rinforzata con kevlar balistico, carbonio e poliestere. La Pagani Huayra è stata prodotta anche in edizioni speciali con personalizzazioni su misura del cliente. La vettura è composta da oltre 4000 parti, motore e cambio esclusi. Qui l’annuncio completo.