Dopo tanto combattere durante la stagione, problemi in qualifica, disordini di scuderia, misunderstanding e querelle in pista e fuori con il collega Nico Rosberg, Lewis Hamilton può gioire conquistando il suo settimo Gran Premio stagionale che lo proietta direttamente sulla vetta della calssifica del Campionato Mondiale di F1, scavalcando proprio il rivale Rosberg (QUI LA GRIGLIA DI PARTENZA). Un GP quello di Singapore tutto giocato sulle strategie, essendo notoriamente il tracciato cittadino di Marina Bay poco incline al grande spettacolo dei sorpassi, a cominciare proprio da quella Mercedes relativa a Hamilton che giunge a una decina di giri dalla conclusione con le gomme ridotte ai soli cerchioni, avendo montato le super-soft e avendole utilizzate fino allo spasimo. Di sicuro l’uscita di scena di Rosberg (secondo ritiro stagionale per il pilota tedesco dopo Monza) gli ha semplificato la vita, ma la gara è stata pianificata e condotta alla perfezione. Nulla hanno potuto a quel punto le Red Bull di Vettel e Ricciardo, strategia diversa ma tenacia ai massimi livelli, soprattutto un grande Vettel finalmente ritrovato, e la Ferrari di Fernando Alonso che dal canto suo ha provato in tutti i modi a conquistare un podio, alla fine solo sfiorato. Raikkonen, alle solite, è rimasto imbottigliato nel traffico generato da Button e Bottas, poi è anche stato nel finale sopravanzato da Vergne e Perez per un ottavo posto che suona ancora una volta come l’ennesima delusione. Buon quinto posto invece per Massa, considerando un tranquillo weekend di anonimato per le Williams.

Ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Giri Tempo/Ritirati Griglia Punti

1 44 Lewis Hamilton Mercedes 60 Winner 1 25
2 1 Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 60 +13.5 secs 4 18
3 3 Daniel Ricciardo Red Bull Racing-Renault 60 +14.2 secs 3 15
4 14 Fernando Alonso Ferrari 60 +15.3 secs 5 12
5 19 Felipe Massa Williams-Mercedes 60 +42.1 secs 6 10
6 25 Jean-Eric Vergne STR-Renault 60 +56.8 secs 12 8
7 11 Sergio Perez Force India-Mercedes 60 +59.0 secs 15 6
8 7 Kimi Räikkönen Ferrari 60 +60.6 secs 7 4
9 27 Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 60 +61.6 secs 13 2
10 20 Kevin Magnussen McLaren-Mercedes 60 +62.2 secs 9 1
11 77 Valtteri Bottas Williams-Mercedes 60 +65.0 secs 8
12 13 Pastor Maldonado Lotus-Renault 60 +66.9 secs 18
13 8 Romain Grosjean Lotus-Renault 60 +68.0 secs 16
14 26 Daniil Kvyat STR-Renault 60 +72.0 secs 10
15 9 Marcus Ericsson Caterham-Renault 60 +94.1 secs 22
16 17 Jules Bianchi Marussia-Ferrari 60 +94.5 secs 19
17 4 Max Chilton Marussia-Ferrari 59 +1 Lap 21
Ret 22 Jenson Button McLaren-Mercedes 52 +8 Laps 11
Ret 99 Adrian Sutil Sauber-Ferrari 40 +20 Laps 17
Ret 21 Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari 17 +43 Laps 14
Ret 6 Nico Rosberg Mercedes 13 +47 Laps 2
DNS 10 Kamui Kobayashi Caterham-Renault 0 DNS 20

(Foto: Facebook)

LEGGI ANCHE

F1 Singapore 2014 qualifiche: Hamilton settima pole, Rosberg secondo, Alonso solo quinto

Formula 1 Ecclestone: “Tre monoposto in gara per ogni team”

Bilancio Ferrari 2014: l’addio di Montezemolo nel record storico per Maranello