Novità in casa Opel che riguardano il Grandland X, il quale vede l’arrivo di un nuovo motore turbodiesel da 1.5 litri e quattro cilindri. Si tratta di un’unità che va a sostituire il vecchio 1.6 da 120 cavalli. Questo nuovo motore sviluppa 130 cv e una coppia di di 300 Nm a 1.750 giri al minuto, garantendo allo stesso tempo maggiori prestazioni e consumi ridotti. I risultati sono evidenti con un dato che riguarda i consumi, misurati secondo il ciclo NEDC, che diminuiscono invece del 4% nel confronto con il vecchio 1.6, attestandosi nel misto sui 4,1 litri ogni 100 chilometri, per emissioni di CO2 pari a 110-108 grammi per chilometro che consentono al nuovo motore di rispettare la futura normativa antinquinamento Euro 6d-TEMP.

Questi eccezionali risultati in termini di efficienza sono dovuti alla presenza del sistema Start&Stop e del catalizzatore di ossidazione/assorbitore per ossidi di azoto (NOx) associato al sistema di Riduzione Catalitica Selettiva (SCR). Recitano un’ottima parte anche l’ottimizzazione del sistema di combustione, che vanta pistoni a geometria brevettata, e un ricircolo dei gas di scarico aumentato grazie a uno scambiatore di calore ad alta efficienza. Interessante anche il sistema di Common Rail a iniezione diretta che lavora fino a 2.000 bar immettendo il gasolio nelle camere di combustione tramite iniettori con ugelli a otto fori, mentre il turbocompressore è dotato di turbine a palette mobili VGT ad azionamento elettrico. Infine la testata e il basamento sono stati realizzati in alluminio superleggero per contenere il peso complessivo.

Sulla Grandland X il nuovo motore 1.5 a gasolio è disponibile in abbinamento a un cambio manuale a sei rapporti o ad un automatico a otto velocità. Il propulsore appena arrivato si inserisce nella gamma di motorizzazioni diesel del SUV Opel affiancandosi al più grande 2.0 da 177 cavalli lanciato sul mercato qualche tempo fa. Arriverà invece entro il 2020 una versione dotata di tecnologia ibrida plug-in.