L’auto elettrica avanza, a grandi passi, e lo dimostra l’arrivo in Europa per il 2017 della nuova Opel Ampera-e, dove appunto la lettera e indica che si tratta di un’auto completamente priva di motore termico, a differenza della Ampera che abbiamo avuto modo di conoscere, in cui il propulsore termico fungeva da generatore per supportare quello elettrico.

La base, è inutile nascondersi, lo si comprende chiaramente guardando la foto della vettura, è quella della Chevrolet Bolt, dalla quale differisce stilisticamente per pochi dettagli come la calandra. Questo indica che anche il corpo vettura si differenzierà dall’Ampera ibrida. Infatti, se quella era una berlina filante, l’Ampera-e sarà una sorta di monovolume.

Di conseguenza, lo spazio a bordo sarà decisamente abbondante, anche perché il nuovo pacco batterie si annuncia estremamente compatto, a tutto vantaggio dell’abitabilità. Ovviamente, non mancheranno un infotainment al passo con i tempi ed il sistema OnStar con tutti i servizi annessi.

Per quanto riguarda l’autonomia, punto cruciale di ogni elettrica, la percorrenza dovrebbe essere, il condizionale è d’obbligo, speculare a quella della Chevrolet Bolt, quindi di circa 320 km, mentre il tempo previsto per ricaricare l’80% delle batterie dovrebbe essere inferiore ad un’ora.

Niente male, considerando che lo sprint da 0 a 100 km/h si annuncia interessante, con un tempo di circa 7 secondi, ovviamente riprendendo i dati della cugina Bolt. Un altro aspetto che vale la pena tenere in considerazione è il prezzo, che dovrebbe essere molto competitivo.

Certo, negli USA inizia ad esserci una grande sensibilità verso la mobilità ad impatto zero, quindi, grazie agli incentivi si potrà avere una Bolt all’equivalente dei nostri 26.500 euro.

La Speranza è che la Opel Ampera-e possa mantenere lo stesso listino nel Vecchio Continente, magari usufruendo anch’essa degli incentivi per chi sceglie di acquistare una vettura tesa ad alimentare una mobilità ecosostenibile.