Opel Adam Rocks, il mini crossover derivato dalla Adam, è stato testato dalla stampa mondiale a Riga. Ha tre porte, è lungo 3,75 metri e punta ad inaugurare una nuova nicchia di mercato. Il rivestimento protettivo color antracite lo rende più robusto mentre le protezioni sottoscocca anteriori e posteriori color argento e lo scarico cromato di serie completano il design della carrozzeria. Per personalizzare ulteriormente l’abitacolo, i designer Opel hanno sviluppato nuovi elementi stilistici, decorazioni e finiture esclusive che conferiscono a questa vettura un fascino e una personalità molto cool, più “da duri” rispetto a quella glamour della Adam. Con Adam Rocks saranno presentati anche nuovi colori, come il vivace giallo Goldbusters, e un’ampia gamma di opzioni per il tetto.

Come tutte le Adam, Rocks fa della personalizzazione uno dei cavalli di battaglia. La capote in tela Swing Top si ripiega in modo pulito sui montanti posteriori in soli 5 secondi e, ovviamente, può essere aperta o chiusa con l’auto in movimento (a velocità fino a 140 km/h). Presente il pluripremiato sistema di infotainment Opel IntelliLink dotato di numerose opzioni di connettività multimediale e app esclusive. Il sistema consente di integrare in vettura i contenuti presenti sui dispositivi Android e Apple iOS, e a vettura ferma sullo schermo touch screen a colori ad alta risoluzione da 7 pollici si possono visualizzare gallerie fotografiche o video.

Accanto ai noti motori benzina aspirati da 1.2 e 1.4 litri, che erogano 70 CV e 100 CV, Opel offre per la prima volta il nuovo Turbo 1.0 ECOTEC a iniezione diretta. Questo propulsore tre cilindri in alluminio genera 90 CV, mentre la versione top di gamma eroga 115 CV. I consumi si attestano rispettivamente sui 4,5 litri e 5,1 litri di carburante per 100 km nel ciclo misto, anche grazie al dispositivo Start/Stop montato di serie. Le unità quattro cilindri sono abbinate a un cambio a cinque velocità mentre i due Turbo 1.0 litri sono offerti con il nuovo cambio manuale a sei velocità, compatto e leggero, che promette innesti fluidi e precisi. La velocità massima è di 180 km/h (90 CV) e 196 km/h (115 CV), e l’accelerazione da 0 a 100 km/h avviene rispettivamente in soli 11,9 e 9,9 secondi. Le due versioni generano una coppia potente ai bassi regimi, di 170 Nm a partire da 1.800 giri.

Il sistema di sospensioni – montanti anteriori MacPherson con telaietto e barra di torsione posteriore – è stato modificato per adattarsi a una gamma di utilizzi più ampia. Il carattere di fuoristrada è sottolineato da un aumento di 15 mm della distanza dal suolo rispetto ad Adam che arriva in totale a circa 14 centimetri, quasi quanto un SUV. Tra gli elementi modificati del telaio vi sono ammortizzatori, molle, geometria delle sospensioni posteriori e sterzo. Ampia la carreggiata anteriore e posteriore (1.472 e 1.464 mm rispettivamente) che, insieme al passo di 2.311 mm, promettono un livello elevato di stabilità e comfort.

Adam Rocks è passato dalla fase di concept car alla produzione in soli 12 mesi: è nato ed è stato sviluppato presso il Centro Europeo di Sviluppo Prodotto Opel (ITDC) di Rüsselsheim e, come gli altri modelli Adam, è prodotto in Germania presso lo stabilimento di Eisenach. Farà il suo debutto su strada nei primi di novembre a partire da 16.750 euro, ma fino a dicembre 2014 ci sarà grazie un’offerta-lancio con lo sconto di 2.000 euro, valido anche per le altre Adam 1.0.

LEGGI ANCHE

Nuova Opel Adam Rocks; supera i test e si prepara al debutto

Opel Adam Rocks: superato l’esame di laboratorio di acustica

Per realizzarla si utilizza una stampante 3D

Opel Adam Rocks: il crossover urbano al Salone di Ginevra

Opel Adam 2014: scommessa vinta, 100.000 ordini