Il Gran Premio d’Olanda ha segnato la rinascita di Stoner e una sonora battuta d’arresto per Lorenzo, matador degli ultimi tre motogp. Interessante la corsa dell’australiano che vuole ancora lottare per il titolo iridato.

Tutto è successo nella partenza che per Lorenzo non poteva andare peggio. In pratica sono scattate in testa le due Honda di Stoner e Pedrosa. Lorenzo è scattato dietro di loro, poi però, dietro di lui, Bautista ha sbagliato una staccata ed ha travolto il campione del mondo in carica.

La Yamaha non ha reagito molto bene a questo incidente, anche perché ha fatto involare Pedrosa e Stoner. E’ partito quasi bene invece Valentino Rossi che si è ritrovato in quinta posizione per una serie di ritiri davanti a lui.

Interessante oltre alla fuga degli Honda, anche il duello nelle retrovie tra Spies e Dovizioso in lotta per la conquista della terza posizione che poi è finita nel taschino dell’italiano. Mentre tutte queste situazioni si sviluppano, inizia l’epilogo di Rossi che perde posizioni una dietro l’altra.

Lo supera anche Hayden, il compagno di squadra, che non fa che sottolineare ancora una volta i guai del Dottore con la moto Ducati. Molto buona, da segnalare, la prova di Crutchlow, che chiude in quinta posizione.