Per gli appassionati è l’inferno verde, per tutti gli altri è semplicemente il circuito del Nurburgring, ovvero la pista resa celebre dal terribile schianto di Niki Lauda e dal numero crescente di automobilisti e motociclisti che amano testare le loro vetture lungo la sua serie infinita di curve.

Ebbene, nel 2016 questo tracciato, che le case utilizzano per sviluppare le loro sportive e per dichiarare al mondo nuovi record sul tempo sul giro, lungo più di 20 km, cambierà, al fine di migliorare la sicurezza.

Infatti, i limiti di velocità, imposti in seguito all’incidente mortale avvenuto il 28 marzo, rappresentano una limitazione per chi vuole provare il brivido dell’inferno verde. Così, prima del prossimo mese di marzo, quello targato 2016, le principali modifiche saranno state completate, proprio in concomitanza dell’avvio delle gare che animano il circuito.

Sarà solamente un parte di questo a cambiare, ovvero il rettilineo del Quiddelbacher Hohe, quello dove si salta con tutte e quattro le ruote, tanto per intenderci e che rappresenta sicuramente uno dei punti più spettacolari e ad alto tasso d’adrenalina del “Ring”.

Ebbene, il tratto in questione verrà reso più pianeggiante, senza quei dossi che lo contraddistinguono, a tutto vantaggio della sicurezza, ma, per forza di cose, a discapito dello spettacolo. Inoltre, le recinzioni saranno modificate in 6 punti della pista, in modo da evitare che le auto possano superarle in caso di impatto o perdita d’aderenza alle alte velocità.

Quindi, finalmente, i costruttori potranno di nuovo tornare a dare la caccia ai record sul giro, oramai più importanti della velocità massima, un tempo espressione delle doti velocistiche di ogni sportiva ad altissime prestazioni.

Per cui, se avete intenzione di organizzare un viaggio da quelle parti per provare il brivido del “Ring”, prendetevela comoda, aspettate la primavera ed iniziate a studiarlo al simulatore per non arrivare totalmente impreparati alla sua sequela interminabile di svolte con angoli differenti.