Conto alla rovescia per il debutto sul mercato del nuovo Opel Vivaro che punta ad unire i benefici di un ufficio su ruote con il comfort e il fascino di un’automobile. Il veicolo commerciale leggero giungerà quest’estate nei concessionari della casa tedesca e andrà a sostituire un modello di grande successo sul mercato europeo con quasi 600.000 unità costruite dal lancio del 2001 (attualmente detiene una quota di circa il 10% nel proprio segmento).

L’ultima nata di casa Opel mira a contenere i consumi: la casa dichiara soli 5,7 litri per 100 chilometri, con emissioni di CO2 ridotte a 149 g/km. Due i nuovi propulsori turbodiesel, con quattro livelli di potenza che garantiscono una rapida accelerazione anche quando Vivaro è a pieno carico. La gamma motori comprende il 1.6 CDTI da 90 cv e da 115 cv, e il sofisticato 1.6 BiTurbo CDTI con turbocompressione sequenziale e doppio intercooler da 120 cv (320 Nm di coppia) e 140 cv (340 Nm). Chi punta a ridurre ulteriormente i consumi di carburante può attivare la speciale modalità di guida ‘eco’.

Rispetto al modello precedente, le nuove offrono due lunghezze e due altezze con le prime maggiori di 216 millimetri rispetto al passato che si traducono in 100 mm di spazio di carico in più per entrambe le versioni, con un piano di carico lungo 2.500 mm (L1) e 2.900 mm (L2), sufficiente a trasportare tre Europallet posizionati uno accanto all’altro. Il volume di carico totale della versione furgone va da 5,2 a 8,6 m3. La versione combi con porta laterale scorrevole assicura otto comodi posti, oltre al guidatore, con tre file di sedili. Il posto guida di nuovo Vivaro è stato studiato per offrire uno spazio di lavoro moderno e mobile mentre il sedile centrale anteriore è trasformabile rapidamente in una piccola scrivania con spazio per il computer portatile.

Oltre all’ABS, dotato di sistema di ripartizione elettronica della forza frenante (EBD), la guida è supportata dal sistema di assistenza alla frenata di emergenza (EBA), dall’assistenza alla partenza in salita (HSA), dal controllo elettronico della stabilità (ESP) con controllo della trazione (TC) e dal sistema antiribaltamento Roll Over Mitigation. Disponibile il cruise control e il limitatore di velocità e anche il Park Pilot che aiuta a parcheggiare in retromarcia. La visibilità posteriore è aiutata dalla presenza della retrocamera, mentre il grande specchio convesso, posizionato nell’aletta parasole del passeggero, consente a chi guida di vedere nella zona dell’ ‘angolo cieco’, offrendo allo stesso tempo una migliore visibilità generale.

L’abitacolo si distingue per la presenza della tecnologia di infotainment IntelliLink con schermo touch screen a colori da 7 pollici, connettività telefonica e streaming audio con Bluetooth e funzioni di navigazione (possibilità di aggiornare le mappe mediante semplice download su supporto USB). La carrozzeria ospita una griglia larga ed evidente, i tipici fari anteriori e la caratteristica ‘lama’ laterale del linguaggio stilistico Opel. Chi acquista Vivaro può scegliere fra 11 colori per la carrozzeria a cui se ne aggiungeranno altri dopo il lancio.

LEGGI ANCHE

La Opel Adam di VR46 all’asta su ebay

Opel Astra Copacabana: erba del Maracanà, clacson-samba e Caipirinha