Il nuovo Audi Q2 si mostra nella sua veste definitiva al Salone di Ginevra 2016. Un SUV compatto che punta a essere adatto all’uso quotidiano e nel tempo libero coniugando design sportivo e funzionalità. La linea del tetto e la parte vetrata dell’abitacolo, molto compatta, si richiamano allo stile di una coupé e fanno apparire la sportiva lifestyle bassa sulla strada. Spiccano i proiettori cuneiformi, la griglia single frame in posizione elevata e le grandi prese d’aria. Un lungo spoiler al tetto e un diffusore con funzione di protezione sottoscocca disegnano un posteriore particolarmente incisivo.

Audi Q2 è alta 1,51 m e larga 1,79 m. Con sbalzi ridotti e 20 centimetri di altezza libera dal suolo, Audi Q2 punta ad affrontare senza problemi agilmente qualunque pendenza. La vettura è alta 1,51 m e larga 1,79 mentre la lunghezza si ferma a 4,19 m con un passo di 2,60 m. Grazie all’accesso alto, la una visibilità si annuncia ampia mentre il grande vano bagagli (volume da 405 a 1.050 litri) può essere aperto e chiuso anche con comando elettrico (a richiesta), mira a soddisfare tutte le esigenze di un SUV. Un highlight è offerto dalla posizione del conducente rispetto al volante, sportivamente bassa come su di una berlina Audi. A richiesta sono poi disponibili pratiche soluzioni un divano posteriore diviso in tre parti con possibilità di carico passante.

Audi Q2 debutta con sei possibili motorizzazioni. Oltre ad un tre cilindri TFSI da 1 litro, l’offerta comprende due motori a benzina a quattro cilindri da 1,4 e 2 litri di cilindrata. Sono inoltre disponibili i tre 4 cilindri Diesel da 1,6 e 2 litri di cilindrata. Le potenze variano da 116 a 190 CV. Come alternativa al cambio manuale a 6 marce, Audi offre per tutti i motori il cambio a doppia frizione S tronic con sette rapporti. Per il TDI top di gamma e il 2.0 TFSI viene impiegato un cambio a doppia frizione di nuovo sviluppo, con un’innovativa lubrificazione ad olio e attrito ridotto.

Entrambi i motori sono inoltre combinati di serie con la trazione integrale permanente quattro. Nel caso della versione a trazione anteriore, l’assale posteriore presenta una struttura a bracci interconnessi, nel caso dei modelli quattro (a trazione integrale) una struttura a quattro bracci. Il servosterzo progressivo è di serie per tutte le varianti. Vengono offerti a richiesta gli ammortizzatori adattivi e il sistema Audi drive select, con il quale il conducente può impostare in modo individuale la taratura della guida.

Di serie Audi Q2 è dotata di un monitor MMI posizionato in alto sulla plancia. Il sistema di Infotainment può essere impiegato tramite una manopola a pressione/rotazione e due tasti sul tunnel centrale. Un hotspot WLAN consente la navigazione e lo streaming con dispositivi mobili. Il cliente, inoltre, tramite MMI touch può richiamare i servizi online di Audi connect. La tariffa flat necessaria per il traffico dati è inclusa grazie alla SIM installata stabilmente a bordo e consente il roaming nella maggior parte d’Europa.

Oltre all’Audi virtual cockpit, disponibile a richiesta, e all’head-up display, su Audi Q2 sono stati mutuati dalle categorie superiori anche i sistemi di assistenza per il conducente, tra i quali l’Audi pre sense front, già incluso nella dotazione di serie. Il SUV compatto viene costruito nello storico stabilimento Audi di Ingolstadt e verrà introdotto sul mercato europeo nell’autunno del 2016 ma potrà essere ordinato già a partire da metà anno.