Il Cavallino si lancia all’acquisto di tecnici esperti sul mercato automobilistico e questa volta, con una pratica che non era mai stata avallata, anche la Ferrari va a “sottrarre” dei professionisti alle altre scuderie.

Questa volta, l’operazione di mercato è effettuata con la supervisione di Pat Fry, il 47enne direttore tecnico della Ferrari che ha sostituito Aldo Costa. Pat Fry, insieme a Tim Gross, era una delle punte di diamante della McLaren, ma a differenza del suo collega rimasto a Woking, Fry ha fatto le valigie per Maranello.

Adesso, partita la campagna acquisti, ci sono diversi ruoli tecnici da coprire e la Ferrari ha deciso di scegliere tra i migliori, magari meno conosciuti, ma pur sempre validi. In particolare servono un responsabile aerodinamico e un ingegnere per il progetto della nuova monoposto.

Si dà ormai quasi per certo che arriveranno da Woking Ioannis Veloudis, greco ed esperto di fluidodinamica che dovrebbe occuparsi della simulazione al computer del comportamento dei flussi e l’indiano Rupad Darekar, laureato all’Imperial College ed esperto di aerodinamica.

Un altro tecnico McLaren, tale Tim Lean, sempre esperto di aerodinamica, invece, pare stia per passare tra le fila della Red Bull. Chi cede invece la Ferrari? I rumors parlano della partenza del francese Adrian Newey che dovrebbe andare alla Mercedes Gp.