Volkswagen presenta a Potsdam in anteprima mondiale la nuova Passat, ottava edizione di una bestseller mondiale che ha venduto 22 milioni di esemplari, comprese tutte le versioni derivate. La vettura icona della casa di Wolfsburg è in produzione dal 1973 e viene commercializzata in 100 mercati. Al primo sguardo somiglia a una coupé a quattro porte, più affusolata e dinamica dettando nuovi standard di riferimento grazie al peso a vuoto inferiore di 85 kg rispetto alla precedente. Un design che combina linee essenziali ed eleganti a un’elevata dose di forza: la lunghezza, infatti, resta invariata (4,77 m) mentre aumenta leggermente il passo (+ 33 mm) migliorando l’abitabilità posteriore che non risente di un’altezza ribassata e ancor più sportiva. Accorgimenti, insieme a ruote più grandi, resi possibili grazie al pianale modulare trasversale che ha permesso di sviluppare proporzioni in modo molto più dinamico e, nel contempo, migliorare il package.

La nuova Passat verrà proposta nelle versioni una berlina e station wagon (Variant il cui baule aumenta da 603 a 650 litri) che, grazie alle loro linee essenziali e alla loro forza, richiamano le vetture della categoria superiore. Nell’abitacolo estetica, essenzialità e preziosità si fondono: spicca una pronunciata banda orizzontale continua creata dalle bocchette dell’aria e a tecnologie quali Active Info Display (strumentazione digitale interattiva), head-up display o illuminazione ambiente che assume la forma di una fascia estremamente piatta.

Dotata di sospensioni a regolazione elettronica, la Passat sarà dotata di diversi sistemi di assistenza, infotainment e comfort presenti che aprono la strada verso una guida sarà più ecocompatibile: oltre all’Active Info Display e all’head-up display, presenti sistemi come Rear Seat Entertainment per tablet (basato su un’App), Front Assist con funzione di frenata di emergenza City e riconoscimento dei pedoni. A questi si aggiungono tre novità assolute come l’Emergency Assist, Trailer Assist e l’assistenza nella guida in colonna.

Dieci le motorizzazione turbo a iniezione diretta e una gamma di potenze comprese tra 120 e 280 CV e consumi ridotti fino al 20%. Si parte dai benzina con il 1.4 in due versioni (125 o 150 CV), seguito dal 1.8 (180 cavalli) e 2.0 che eroga 220 o 284 CV. Tre i diesel a disposizione con un 1.6 da 120 CV e il “due litri” i tre diverse varianti (150, 190 o 240 CV). Tutte le versioni sono dotate dei sistemi start/stop e di recupero dell’energia in frenata. Disponibile, a richiesta e su ogni variante, il cambio a doppia frizione DSG, di serie per le motorizzazioni top di gamma.

Per la prima volta (arriverà più avanti) la Passat è disponibile con una propulsione ibrida plug-in (motore benzina TSI 156 CV con motore elettrico 109 CV e batteria a ricarica esterna). Con una potenza di sistema di 211 CV, si tratta dell’ibrido plug-in finora più potente di casa Volkswagen che può viaggiare a emissioni zero con un’autonomia fino a 50 km in modalità esclusivamente elettrica con valori di consumo pari a quelli della Golf GTE ibrida plug-in (1,5 l/100 nel ciclo NEDC e 35 g di CO2/km). La Volkswagen commercializzerà la nuova Passat nelle tre versioni di allestimento Trendline, Comfortline e Highline, esattamente come per la versione precedente. Farà il debutto al Salone Parigi nel prossimo ottobre mentre a novembre verranno effettuate le prime consegne in Italia.

LEGGI ANCHE

Nuova Volkswagen Golf GTE: ibrida plug-in al Salone di Ginevra

Golf Sportsvan conquista le 5 stelle EuroNCAP

Volkswagen: il simbolo dell’auto del popolo

Rally Polonia 2014: Ogier e la Volkswagen ipotecano il Mondiale

Gruppo Volkswagen vendite 2013: è record