Mentre si attende che venga svelata la nuova serie della Mini, evento programmato per il 18 novembre nella storica fabbrica inglese di Oxford, la casa britannica del gruppo Bmw ha diffuso qualche altra informazione sui motori che la equipaggeranno. Soffermandosi sui motori a benzina, innanzitutto oltre al quattro cilindri ci sarà spazio anche per il frazionamento a tre, precisamente un 1.5 da 136 cavalli e 220 Nm a 1.250 giri. Tutti i propulsori adotteranno la collaudata tecnologia tedesca Twin Power Turbo, unitamente all’iniezione diretta, e saranno allineati alle normative Euro 6. Il quattro cilindri avrà un volume di 2 litri ed erogherà una potenza di 192 cavalli ed una coppia massima di 280 Nm, sempre a 1.250 giri.

Sul telaio, è molto importante l’adozione delle sospensioni a controllo elettronico, una novità per la Mini. Previste due configurazioni selezionabili dal conducente, ma sempre rimanendo nell’ambito del piacere di guida.

Una generale scelta dell’alluminio in varie parti della meccanica ha inoltre contribuito fortemente alla riduzione dei pesi, e quindi anche dei consumi.