Solo pochi mesi dopo il lancio della nuova Mini, si amplia la propria gamma di modelli con una variante di carrozzeria completamente nuova. Per la prima volta la gamma della piccola inglese presenta questa soluzione in listino mantenendo immutato lo stile tipico del marchio premium britannico. L’allungamento del passo rispetto alla nuova Mini è di soli di 72 millimetri che vanno tutti in spazio per le gambe. Si amplia anche il bagagliaio che passa a 278 litri, 67 litri in più rispetto alla Hatchback a 3 porte. Le dimensioni complessive della vettura crescono in lunghezza di 16 cm arrivando a 3,98 mt (4,00 per le versioni Cooper S e Cooper SD) mentre resta invariata la larghezza. L’altezza è superiore di 11 millimetri e contribuisce all’aumento dello spazio internamente con 1,5 cm in più per la testa e 6,1 cm per i gomiti.

Mantenuti i caratteristici stilemi di design esterno, come calandra del radiatore esagonale, gruppi ottici e luci posteriori con larga cornice cromata, indicatore di direzione laterale e cornice nera che avvolge la scocca senza soluzione di continuità analoghi alla nuova Mini. Quattro le motorizzazioni previste due motori a benzina e due diesel tutti sovralimentati con tecnologia MINI TwinPower Turbo (consumo di carburante nel ciclo combinato: 5,9–3,6 l/100 km; emissioni di CO2 nel ciclo combinato: 139 – 95 g/km). Al tre cilindri da 136 CV si unisce il quattro cilindri da 192 CV della Cooper S mentre il diesel tre cilindri eroga 116 CV, oltre 50 in meno del quattro cilindri da 170 CV presentato in anteprima. In autunno arriverà anche la One a 5 porte con il tre cilindri diesel da 95 CV e la One Benzina da 102. Il cambio è manuale di serie a sei rapporti e, come optional, presenta il cambio Steptronic a sei rapporti anche in versione sportiva.

Tra le dotazioni di serie il servosterzo elettromeccanico con funzione Servotronic di serie, il controllo dinamico della stabilità (DSC) con Dynamic Traction Control (DTC) ed Electronic Differential Lock Control (EDLC). Ampia la gamma di innovativi sistemi di assistenza del guidatore: dal MINI Head-Up-Display al Park Assistant, fino alla telecamera di retromarcia e all’avvertimento di rischio di tamponamento e d’investimento di pedoni con funzione decelerante. L’equipaggiamento di serie prevedi cerchi in lega da 15 pollici oppure 16 pollici, mentre come optional sono previsti cerchi fino a 18 pollici. Grazie al nuovo optional MINI Driving Modes (Mid, Sport e Green), è possibile variare la taratura della vettura attraverso una manopola inserita alla base della leva del cambio o del selettore di marcia. Nuovo anche il concetto di visualizzazione e di comando: la strumentazione combinata è montata sul piantone dello sterzo con indicazione della velocità e del numero di giri  mentre il display a colori visualizza lo stato della vettura e la riserva di carburante.

LEGGI ANCHE

Mini Superleggera Vision: roadster elettrica che coniuga tradizione e modernità

Mini Paceman: il restyling della coupè al Salone di Pechino

Nuova MiniCountryman: a New York il restyling del crossover

Mini Paceman GoalCooper: auto da veri calciofili

Mini Clubman Concept: nuova classe in funzione dell’eleganza

Nuova Mini Cooper: la “piccola” inglese diventa più grande