Leggera, sicura, efficiente e piacevole da guidare: è la nuova generazione della Mazda 6.

La tecnologia SKYACTIV ha consentito ai progettisti Mazda di rafforzare il legame fra pilota e vettura, soprattutto nelle fasi di accelerazione, sterzata e frenata. Viene così garantita una miglior tenuta di strada ed una riduzione dello spazio di frenata, grazie alla stabilità del telaio. La scocca è più leggera e robusta rispetto al modello attuale, grazie all’utilizzo in maggiore quantità di acciaio ad altissima resistenza (fino a 1800 Mpa) e ad altre innovazioni tecnologiche. Anche i rivestimenti e i componenti interni all’abitacolo sono stati ridisegnati per evitare o ridurre le lesioni agli occupanti in caso di urto.

La Mazda 6 è sicura: in caso d’incidente la sicurezza è ottimale, grazie ad un assorbimento più efficace e alla migliore dispersione dell’energia d’impatto nella struttura della carrozzeria. Inoltre è ad alto livello anche la dotazione nella sicurezza attiva. Ad esempio, il Mazda Radar Cruise Control, procedendo ad una velocità massima inferiore ai 200 Km/h, mantiene la distanza di sicurezza rispetto all’auto che precede, intervenendo se necessario sia sulla velocità che sui freni. Lo Smart Brake Support, dispositivo di frenata automatica, controlla la velocità dei veicoli che precedono (da 15 a 145 Km/h), avvertendo se ci si avvicina troppo; se rileva l’imminenza di un urto, aziona i freni automaticamente. Questo dispositivo è integrato da un sistema di frenata automatica urbana, tra 4 e 30 Km/h. A questi accorgimenti se ne affiancano altri quali il sistema di monitoraggio posteriore del veicolo (RVM) vincitore del premio EuroNcap Advanced, i fari anteriori al Bi-xenon dinamici, e l’High Beam Control System che commuta i fari abbaglianti in anabbaglianti in base alla presenza di altre vetture. Queste nuove tecnologie che sfruttano telecamere o sistemi radar compongono quella che Mazda ha definito i-ACTIVSENSE Technology.

La nuova Mazda 6 è caratterizzata da una notevole efficienza: l’aerodinamica è leader nel segmento (cx di 0,26) e contribuisce a risparmiare carburante. Tutti i motori diesel, così come il benzina 2.5 litri da 192 Cv dispongono di serie del nuovo sistema Mazda di recupero dell’energia di frenata denominato i-ELOOP, primo al mondo ad utilizzare un condensatore per l’immagazzinamento dell’energia prodotta in frenata che viene poi utilizzato per alimentare gli apparati elettrici dell’auto; di serie su tutti i motori l’i-stop, l’avanzato sistema di spegnimento Start/Stop del motore al minimo. Il motore a benzina SKYACTIV-G da 2 litri ad iniezione diretta ha un rapporto di compressone di 14:1, il più alto al mondo per una vettura di grande serie; la potenziata capacità di nebulizzazione del carburante controbilancia gli effetti indesiderati della forte pressione. La versione disponibile per il mercato italiano dispone di 165 cavalli con un consumo medio di 5,9. Lo SKYACTIV-G da 2.5 litri, sempre ad iniezione diretta di benzina, arriva a 192 cavalli e 256 Nm di coppia massima; il consumo sul percorso misto con cambio automatico a 6 rapporti è di 6,3 litri/100 Km. Il diesel common rail SKYACTIV-D da 2.2 litri ha un turbocompressore a doppio stadio e le altre caratteristiche vantaggiose del benzina. Nella versione Standard eroga 150 cavalli e fornisce una coppia massima di ben 380 Nm a 2.000 giri; consuma sul percorso misto 4,2 litri/100 Km col cambio manuale e 4,8 con l’automatico a 6 rapporti. Nella versione High Power la potenza è di 175 cavalli e la coppia sale a 420 Nm; tale motorizzazione, associata alla trasmissione automatica Skyactiv-Drive permette di consumare in media solo 4,8 l/100 Km di gasolio.

Publiredazionale