Tutte le vetture della Formula 1 sono state rivisitate per adeguarsi al nuovo regolamento della Fia. Quel che emerge dalle prime presentazioni è il gradino che rende le monoposto della prossima stagione più brutte. Brutta (ma vincente) è stato il primo aggettivo attribuito alla nuova monoposto di Maranello ma non è che le altre vetture presentate dalle squadre della F1 siano così distanti dalla negazione dell’estetica. Si pensi soltanto per un minuto alla E20.

Anche la Lotus-Renault, in questi giorni, ha presentato la vettura che sarà guidata durante il prossimo campionato da Raikkonen e Grosjean. Ha il gradino sul muso come anche la Ferrari, la Force India, la Catheram e la Sauber. Obiettivamente, nel caso della Lotus, il gradino è meno accentuato.

Sull’anteriore però, diversamente rispetto a quanto accade alla Ferrari, non ci sono le sospensioni pull-rod. Al contrario davanti si trovano le tradizionali push-rod.

Il design della Lotus E20, in buona sostanza, è quanto di più tradizionale ci si poteva aspettare. Il cosiddetto gradino è “voluto” dal nuovo regolamento FIA 2012. Non si conoscono invece le modifiche motoristiche che resteranno nascoste fino ai primi test.

Raikkonen che qualche giro sulla monoposto della sua nuova squadra l’ha fatto, dice che la struttura c’è ed è possibile che la Lotus, quest’anno, porti a casa qualche buon risultato.