La nuova generazione della Honda Civic Type R, variante “estrema” dell’omonima berlina giapponese, è una delle protagoniste del Salone di Ginevra 2017, dove si è fatta notare per la consueta impostazione sportiva fortemente orientata alle prestazioni anche sotto il profilo aerodinamico, come confermato dal vistoso e ormai iconico alettone posteriore.

La nuova Honda Civic Type R beneficia di un telaio irrigidito del 38% rispetto alle versioni più “tranquille”. L’assetto punta su sospensioni anteriori McPherson dalla taratura specifica, mentre al posteriore lo schema multilink vede l’aggiunta di un’inedita barra di rinforzo che dovrebbe assicurare un comportamento più omogeneo e prevedibile del retrotreno.

Il motore è un quattro cilindri 2.0 turbo a benzina, lo stesso presente sulla precedente generazione della sportiva di Honda ma con la potenza accresciuta di 10 cavalli, così da arrivare ad erogare ben 320 cavalli. La coppia è invece di 400 Nm ed è gestita da un cambio manuale a sei rapporti dagli innesti precisi studiato per esaltare la guida più esigente.

In questo contesto si inserisce la possibilità di selezionare delle diverse modalità di marcia, ognuna in grado di cambiare il comportamento e la risposta della vettura passando tra le impostazioni Comfort, Sport e +R.

La nuova Honda Civic Type R mantiene insomma tutte le caratteristiche più “spinte” delle progenitrici ampliando e affinando al tempo stesso le sensazioni offerte a chi sta al volante. Dopo la sua presenza al Salone di Ginevra, per gli appassionati sarà ancora necessario attendere qualche mese il debutto sul mercato che Honda ha programmato per la prossima estate.