Presentata la nuova Golf Alltrack  in anteprima mondiale a Parigi. La casa automobilistica tedesca ha lanciato durante l’evento francese la versatile Golf Alltrack sviluppata sulla base della versione Golf Variant. Di serie a trazione integrale si presenta al pubblico per assicurare buone prestazioni sia su strada, sia su percorsi non asfaltati. La base tecnica è rappresentata dalla trazione integrale 4Motion. Il sistema, dotato di frizione Haldex di ultima generazione, si attiva già prima che inizi lo slittamento.

La nuova Golf Alltrack viene lanciata con quattro motorizzazioni 4 cilindri. Tutti i motori soddisfano la norma sui gas di scarico Euro 6. La potenza erogata è compresa tra 110 e 184 CV. Nella gamma di motori offerti troviamo, un motore un TSI 1.8 180 CV (a partire da 4.500 giri). Il motore turbo 4 cilindri a iniezione diretta è perfetto per l’uso sulla Golf Alltrack, perché già a partire da 1.350 giri eroga una coppia massima di 280 Nm. L’auto tedesca è in grado di raggiungere una velocità di 217 km/h e passa da 0 a 100 km/h in 7,8 secondi. Questa agilità si accompagna a consumi ridotti (6,8 l/100 km, a fronte di emissioni di CO2 pari a 158 g/km).

Le altre motorizzazioni che troviamo sulla nuova Golf Alltrack, un TDI 1.6 da 1.598 cm3 con una potenza di 110 CV, consuma solo 4,7 l/100 km, a fronte di emissioni di CO2 pari a 124 g/km, un motore 2.0 TDI 150 CV. Il motore di classe di potenza successiva scelto dalla Volkswagen per la Golf Alltrack è un TDI da 1.968 cm3 con una potenza di 150 CV e un consumo nel ciclo combinato di appena 4,9 l/100 km (127 g/km di CO2) e l’ultima soluzione per il cliente, ossia, un motore con una potenza di 184 CV (a 3.500 – 4.000 giri), la Golf Alltrack 2.0 TDI stabilisce un record. Si tratta infatti della Golf Variant più potente finora costruita. Il motore turbo 2.0 sviluppa la coppia massima di 380 Nm già a partire da 1.750 SUVgiri, trasferendola al cambio DSG a 6 rapporti (in questo caso di serie). Il valore rimane costante fino a 3.250 giri.

Parliamo adesso di design. Gli esterni del nuovo modello presentano diversi elementi specifici, che danno vita a una vettura particolarmente interessante. Sulle fiancate colpiscono immediatamente i passaruota maggiorati neri. Queste robuste protezioni proseguono sopra i listelli sottoporta e nella parte inferiore dei paraurti di nuova concezione. Il frontale specifico della Golf Alltrack si distingue nella parte alta per un elemento trasversale piatto sulla calandra del radiatore in look alluminio che prosegue poi fin nei fari.

Passiamo dal’esterno all’interno dell’abitacolo, trovando dettagli di classe come ad esempio il volante rivestito in pelle, leva del cambio in pelle, rivestimenti dei sedili specifici con logo Alltrack sugli schienali anteriori, inserti in Dark Magnesium (consolle centrale) e Tracks (plancia e pannelli delle porte) e illuminazione ambiente nei pannelli delle porte.

La Golf Alltrack con tutte queste dotazioni sarà commercializzata già nella primavera dell’anno prossimo.

LEGGI ANCHE:

DS Divine: elegante e tecnologica, ecco la nuova “Divina” al Salone di Parigi

Toyota C-HR: il nuovo crossover dalle linee audaci e sensuali

Honda HR-V: al Salone di Parigi 2014 il SUV della casa giapponese