Nell’universo PSA, Citroen è senza dubbio il Marchio più innovativo, e la Berlingo rappresenta la volontà del Double Chevron di esplorare nuovi orizzonti automobilistici. Adesso, la monospazio per antonomasia si rinnova, senza snaturare le proprie origini, datate 1996, che affondano le radici nel lontano 1954, con la mitica 2CV AZU. La variante 2015 è ancora più confortevole, moderna, e versatile, come abbiamo avuto modo di scoprire lungo le strade che circondano Cervia.

Tutto inizia dal design che, anche se non stravolge la tipica siluette della vettura, risulta più moderno ed espressivo, grazie al frontale rivisitato attraverso un nuovo parafango, una calandra rinnovata e le luci diurne a LED. Inoltre, la variante XTR presenta anche le protezioni in alluminio che le donano un look da off-road. Completano il quadro le due nuove tinte disponibili: Grigio Acier e Grigio Moka.

Ma la vera forza della Berlingo è tutta nella sua funzionalità, nessuna è come lei: si può viaggiare comodamente in 5 persone, ognuno con il suo sedile, con tanto spazio a disposizione per le gambe ed un bagagliaio immenso da 675 litri. Ma, volendo, si possono caricare oggetti ingombranti, arrivando a ben 3.000 litri di volume utile rimuovendo i sedili posteriori, o sfruttare il praticissimo Modutop, presente nella parte alta dell’abitacolo, precisamente sotto il cielo della vettura, che offre 60 litri ulteriori in cui sistemare oggetti accedendovi anche dal lunotto posteriore apribile. Insomma, la multispazio francese è un’auto  da vivere al massimo, e a cui si può accedere facilmente, attraverso le grandi porte anteriori o le aperture posteriori scorrevoli. Ma c’è di più, rimuovendo la console centrale, si possono trasportare oggetti molto lunghi; inoltre, con una spesa di 750 euro si possono avere due posti supplementari, per ospitare fino a 7 persone.

Al volante, le migliorie apportate si notano dopo pochi metri: l’auto è decisamente confortevole, alla francese verrebbe da dire, per il suo modo di assorbire le asperità dell’asfalto. Inoltre, i tessuti interni più robusti sono a prova di bambini, mentre l’interazione con il nuovo sistema multimediale Mirror Screen è assicurato dal display touch screen da 7 pollici compatibile anche con nuovi smartphone come il Samsung S5 e l’HTC 1. Non mancano dispositivi utili per semplificare la vita del conducente e migliorare la sicurezza al volante, come l’assistenza nelle partenze in salita, il limitatore di velocità, la frenata automatica fino ad una velocità di 30 km/h (disponibile da novembre) e la retrocamera.

Nonostante una guida di stampo turistico, la spinta del 1.6 BlueHDi da 120 CV è sempre vigorosa, e la manovrabilità del cambio manuale a 6 rapporti risulta piuttosto agevole e coinvolgente. Si tratta del diesel più potente nella nuova famiglia di motori della Berlingo (tutti Euro 6) che, grazie al sistema SCR, elimina il 90% degli ossidi d’azoto (Nox), mentre attraverso il FAP riduce il particolato del 99,9%. Ne consegue, che le emissioni di Co2 si attestano sui 115 g/km (109 g/km 1.6 BlueHDi 100 CV), mentre i consumi dichiarati sui 4,3 l/100 km.

Interessante notare come il sistema denominato Grip Control ottimizza la motricità delle ruote anteriori, e consente di districarsi anche sullo sterrato e nel fuoristrada leggero, ampliando il campo d’azione della vettura.

Disponibile negli allestimenti Feel e XTR, quest’ultimo contraddistinto dalle protezioni per la carrozzeria, dalla barre porta tutto sul tetto e dalle sospensioni rialzate, la Citroen Berlingo 2015  ha un prezzo di partenza fissato in 18.750 euro (versione 1.6 VTi 95 CV Feel), mentre la versione 1.6 BlueHDi XTR da 120 CV con S&S, che abbiamo guidato, ha un listino di 23.550 euro