La nuova Bmw X6 giunge alla sua seconda generazione alleggerendo il peso e ammorbidendo le linee. La X6 si contraddistingue per avere inaugurato un matrimonio decisivo in questi anni, quello tra Suv e Coupé e, mantenendosi su questa falsariga offre una vettura che pur rinnovata nel look mantiene forti i valori sostanziali ed estetici con il recente passato. Forme e dimensioni, partendo dalla piattaforma della X5, rimangono invariabilmente riconoscibili nel passaggio da X6 di prima generazione a X6 2.0. Eppure questa nuova X6 è ben più di un semplice restyling poiché il lavoro di tecnici e ingegneri Bmw è stato attento e certosino sia per quanto riguarda linee più curate in fatto di aerodinamica che per il comparto comfort e volumetria, strizzando l’occhio al concetto di family feeling. La sofficità delle linee rende la vettura decisamente più armoniosa rispetto alla precedente versione con il segmento posteriore totalmente ridefinito.

Per ciò che concerne interni e strumentazione di bordo, il flat screen sovrasta il quadro strumenti e sovraintende alla sezione infotainment, navigazione compresa. L’accostamento di materiali ed elementi cromatici varia in funzione dell’allestimento. Il quadro strumenti muta la grafica in base alla modalità di guida inserita. Dal blu tenue dell’Eco Pro mode, al rosso di Sport e Sport Plus. Tornando al comfort, davanti lo spazio è ampio, nella zona retrostante però bisogna fare i conti con la linea del terzo montante. Il volume del bagagliaio segnala 580 litri in configurazione standard, incrementando fino a quota 1.525 se si abbattono i sedili posteriori.

Tre le motorizzazioni disponibili al lancio, due turbodiesel e il V8 turbo-benzina: 30d, M50d e 50i. Successivamente verrà offerta la 35i, la 40d e la sportiva M. Il listino Bmw però è già completo e tutte le vetture sono ordinabili. Tre allestimenti a disposizione – oltre a quello d’ingresso anche Extravagance e M Sport – e prezzi compresi tra i BmwX6 xDrive 30d, ovvero tra i 70.890 euro e i 128.500 euro della M.