Le prime immagini ufficiali che ritraggono l’attesissima seconda generazione di Audi Q7 sono emerse sul web in vista dell’imminente rivelazione online. Mostrandosi esattamente come ci si aspetterebbe, il SUV ammiraglia Audi adotta linee più nitide che hanno cancellato alcuni dei tratti ingombranti visti sul modello precedente, ma nel complesso il design non è molto diverso. Altri cambiamenti significativi si trovano all’interno dell’abitacolo, dove notiamo un design meno ingombrante e un cluster digitale personalizzabile come si trova all’interno della nuova Audi TT e Volkswagen Passat. C’è anche un display free-standing “controversial”, mentre le prese d’aria sono “collegate” nella stesso canale, come nel già citato Passat B8.

I cambiamenti più evidenti sono sotto la superficie: l’Audi Q7 riveduta e “corretta” ha effettuato il passaggio alla piattaforma MLB Evo ed è stimata essere fino 363 kg più leggera. Sarà disponibile con fari a LED a matrice opzionali, mentre i motori 6 e 8 cilindri saranno riproposti, probabilmente con alcune modifiche per migliorare le prestazioni e ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Aspettatevi di trovare un modello SQ7 top-serie con l’hardware proveniente da TDI RS5 che ha unito twin-turbo 3.0 litri V6 TDI con un turbocompressore elettrico supplementare.

Prevista anche un versione e-tron alimentata da un V6 diesel da 3.0 litri e un motore elettrico. Questa versione verrà messa in vendita un paio di mesi dopo la Q7 con alimentazione convenzionale che debutterà a gennaio al NAIAS, con un rilascio sul mercato previsto per la prima metà dell’anno.