Nella giornata di giovedì, prima della giornata inaugurale a Phillip Island, Aprilia ha svelato le RSV4 numero 33 e 50 con cui Marco Melandri e Sylvain Guintoli andranno alla caccia del titolo mondiale in SBK. Il Costruttore italiano, campione mondiale in carica e vincitore di 5 corone nelle ultime 4 stagioni,
ha abbandonato il binomio nero-rosso degli ultimi anni lasciando spazio a un vistoso argento. Una rivoluzione stilistica che esalta le forme e il contenuto tecnologico della moto italiana che vanta 52 titoli mondiali, 294 GP conquistati sui circuiti del Motomondiale e 38 vittorie nella Superbike.

Le linee estreme della RSV4 sono sottolineate da taglienti inserti rossi e neri (i tradizionali colori Aprilia) che, insieme alla parti in carbonio e alla superficie riflettente del puro metallo, ne esaltano la compattezza e l’anima racing. Sulla carena della RSV4 compare l’ashtag #beAracer., espressione dell’intenzione di Aprilia di creare, grazie alla tecnologia digitale, un più stretto collegamento tra il mondo racing e tutti gli appassionati motociclisti. Il telaio a doppia trave in alluminio imbriglia gli oltre 230 cavalli liberati dal propulsore 4 cilindri a V stretta da 1.000 cc, esaltato dai trattamenti delle superfici e dagli accoppiamenti cromatici. Vedremo come si comporterà nel primo round stagionale.

LEGGI ANCHE

Test 2014: Sykes velocissimo ma le Suzuki non mollano

SBK 2014 team e piloti: boom di presenze per un Mondiale imperdibile

Bimota in SBK 2014: il team Alstare con Max Biaggi?

SBK Jerez 2013: Tom Sykes campione del mondo