La nuova Alpine potrebbero utilizzare motori AMG. E’ questa l’indiscrezione che arriva dall’Inghilterra secondo cui il brand sportivo di Renault potrebbe attingere ai propulsori sportivi della factory di Affalterbach, partner Mercedes nello sviluppo di tecnologie motoristiche ad alte prestazioni, grazie all’Allenza fra i Gruppi Daimler e Renault-Nissan.

Un’apertura lasciata intendere da Bruno Ancelin, vicepresidente della Divisione Prodotti e Pianificazione di Renault: “Dobbiamo focalizzare la nostra attenzione di una ristretta gamma di unità da impiegare per le nuove Alpine - ha spiegato in occasione del Salone di New York . – Allo stato attuale, sul taccuino disponiamo di due possibilità: sfruttare l’expertise Renault Sport in fatto di motori ad alte prestazioni, dunque attingendo alle attuali disponibilità; oppure acquistare motori sviluppati da altri Costruttori, e già disponibili sul mercato”.

La prima ipotesi prevede una rielaborazione di un propulsore già utilizzato da Renault: il quattro cilindri derivato da quello messo a punto per il 1.6 turbo di Renault Clio RS (o il 2.0 della Megane Coupé RS); mentre la seconda ipotesi porterebbe ad acquistarne uno sul mercato sfruttando i motori Mercedes-AMG, soprattutto i sei cilindri della gamma AMG 43, specialmente nel prossimo futuro.

La nuova Alpine, sarà molto simile a quella del concept Vision (circa l’80%) e dominerà lo stand Renault al Salone di Parigi del prossimo ottobre con la nuova “Berlinette” che ricorda la Alpine A110. Si chiamerà quasi sicuramente Alpine A120 e avrà telaio in alluminio (intorno ai 1.100 kg). Sarà prodotta a Dieppe, in Francia, e commercializzata dal 2017 in Europa e progressivamente nel resto del mondo. La linea della vettura definitiva sarà molto simile a quella del concept Vision.