Nuova Alfa Giulia è pronta a svelarsi. Mercoledì 24 giugno il nuovo modello del Biscione debutterà nella versione cattiva Quadrifoglio. Della nuova berlina non si conosce il nome ufficiale ma sicuramente sarà solo la prima di sette inediti modelli fino al 2018 che dovranno rilanciare il marchio. Il piano di investimenti è di 5 miliardi di euro per dare lo slancio definitivo a un brand che vende meno di 80 mila auto all’anno ma che tra tre anni punta a raggiungere le 400 mila unità, di cui due terzi all’estero. Il piano presentato dai vertici del Gruppo FCA nel 2014 prevede di farsi largo dove in un segmento dove finora dominano incontrastati i marchi tedeschi (Audi, BMW e Mercedes).

Anche in passato si era già tentata una simile operazione ma stavolta sembra diverso. Stavolta si è partiti dal DNA delle Alfa del passato, dalla trazione posteriore o integrale ma soprattutto ci sarà il supporto motoristico della Ferrari che realizzerà i motori di punta delle future Alfa Romeo, V6 e V8. La storia insegna che con Maserati l’operazione è riuscita in pieno ma a fare la differenza e a dare linfa al mercato sarà probabilmente lo stile della vettura. BMW, nel suo blog ufficiale, ha definito la nuova Alfa Giulia “l’unica berlina del segmento D che può far riflettere due volte, prima di acquistare una nuova BMW”. 

Mentre sui social media di Alfa Romeo e FCA gli annunci latitano e ci si concentra di più sui vari eventi di Expo 2015, il Biscione ha fatto una campagna di affissioni in alcune vie di Milano con un pastore tedesco, chiaro riferimento ai brand concorrenti, che guarda i passanti mentre l’enorme spazio bianco recita che “qualcosa sta arrivando”, anteprima di quello che verrà svelato il giorno dopo l’annuncio della nuova Alfa Giulia, svelata prima in versione Quadrifoglio.

Sergio Marchionne ha detto che la vettura più importante lanciata dal giorno del suo insediamento ai vertici del Gruppo. Per questo da mesi è al lavoro una “task force” di tecnici ed ingegneri diretti dal numero uno di Alfa Romeo (e di Maserati) Harald Wester. Un capannone nei dintorni di Modena dove si lavora senza sosta per realizzare la nuova berlina che verrà ufficialmente presentata ad Arese il prossimo 24 giugno in occasione dei festeggiamenti per i 105 anni di storia del marchio. Il rinnovato Museo della Casa del Biscione verrà inaugurato proprio in occasione della presentazione della nuova Alfa Giulia.