Nel Gran Premio di Valencia, come ampiamente annunciato in fase preliminare, tutte le squadre hanno provato a portare in pista delle novità con l’intenzione di rendere un po’ meno equilibrata la lotta per il titolo iridato. Ecco le novità che arrivano direttamente da Maranello

Nel fine settimana valenciano tutte le scuderie hanno portato in pista un po’ di novità tecniche. La Ferrari e la Red Bull in particolare si sono impegnate nel miglioramento della monoposto. Adesso vogliamo approfondire quel che hanno fatto i tecnici di Maranello.

In primo luogo bisogna prendere atto del fatto che hanno lavorato sugli scarichi, continuando con la sperimentazione avviata all’inizio della stagione. I nuovi terminali, su cui è evidente uno sfogo supplementare laterale, sono arrivati in pista già venerdì.

Questo sistema non è stato impiegato durante le qualifiche del sabato ma potrebbe riapparire in futuro.

Un’altra grande novità della Ferrari è nell’alettone anteriore che è stato modificato nei flap superiori. In pratica la monoposto ha acquisito un po’ di lunghezza in più. Ma quel che colpisce è soprattutto l’introduzione dei nuovi bargeboards.

Questi hanno ben tre profili aerodinamici alla base del deviatore di flusso e hanno poi una feritoia alla base del bargeboard stesso. L’obiettivo è l’integrazione tra flussi di aria calda e flussi di aria fredda nel retro della vettura per guadagnare velocità.