Altro inconveniente in casa Toyota, che ha richiamato ben 1,9 milioni di Prius, per una verifica e messa a punto della centralina.

Come riportato da ‘Repubblica’ (cliccate qui, per leggere l’articolo), la casa automobilistica giapponese non è nuova a simili soluzioni, visto che era già dovuta ricorrere ad un medesimo intervento tra il 2009 ed il 201o. In quell’occasione, Toyota era stata condannata a pagare un maxi risarcimento, soprattutto a causa della lentezza nella comunicazione dei possibili guasti.

Nel giugno 2013, poi, erano stati ricontrollati ‘solo’ 242 mila Prius, per un possibile problema ai freni.

Ora, visto il passato, Toyota si è cautelata, avvisando immediatamente i possessori della Prius: il modello ibrido più venduto nel mondo, infatti, presenta dei potenziali problemi elettronici, che potrebbero limitare la potenza del veicolo. Saranno, dunque, quasi 2 milioni i veicoli da condurre in officina e ben 5800 gli Italiani coinvolti in questa manovra: una mossa che testimonia la trasparenza della Toyota, ovviamente, ma che fa sorgere anche qualche lecita preoccupazione.

photo credit: Toyota UK via photopin cc