Nissan ha annunciato numeri di vendita quotidiano di più di 3.000 videocamere grazie ai dispositivi tecnologici che le utilizzano ai fini della sicurezza e presenti ormai su gran parte della gamma prodotti.

Per i sistemi si sicurezza, infatti, i modelli Nissan più venduti prevedono fino a 5 videocamere per auto. Nell’ambito del mercato dei crossover, in cui Nissan è leader, questo significa vendere numero pari a 3.400 videocamere al giorno in Europa, più di due al minuto.

La gamma dei Crossover Nissan, che include Qashqai, Juke e X-Trail, ha totalizzato più di 1,9 milioni di videocamere installate dall’esordio di Qashqai nel 2014 ad oggi. Le versioni più vendute di ogni modello dispongono di quattro videocamere grandangolo – installate sui quattro lati del veicolo – che rappresentano le basi del pioneristico sistema “Around View Monitor”.

I sistemi di videocamera montati su Qashqai e X-Trail agevolano l’auto-parcheggio grazie al pacchetto di funzioni del Safety Shield, che include il sistema di copertura degli angoli ciechi (Blind Spot Warning – BSW) e il sistema di allerta per oggetti in movimento (Moving Object Detection – MOD), ognuno dei quali sarà fondamentale per lo sviluppo futuro della guida autonoma.
Una delle funzioni più intelligenti del Safety Shield è rappresentato dalla videocamera posteriore autopulente, in grado di rilevare lo sporco e di pulirsi autonomamente.

Il computer di bordo è in grado di elaborare più di 15 megapixel al secondo; la videocamera, montata appena sopra la targa posteriore, utilizza il proprio sistema che combina acqua e aria compressa per pulire le lenti dai detriti garantendo che lo schermo NissanConnect 7 pollici abbia un quadro pulito, fornendo così massima sicurezza per passeggeri e pedoni.

Christopher Parker, ingegnere senior del Safety Shield, ha dichiarato: “A differenza dei sistemi concorrenti che si basano sui radar per monitorare il movimento intorno all’auto, tutti e tre gli elementi del Nissan Safety Shield lavorano utilizzando i dati rilevati dalla videocamera AVM per la visione posteriore, offrendo ai conducenti eccezionale visibilità e protezione”.