L’ultima sessione di test prima dell’inizio del campionato di Formula 1, si tiene a Barcellona. E’ l’ultima occasione che i team hanno per modificare le monoposto prima di spedirle in Australia. Per diversi motivi avevano chiesto un prolungamento della sessione, Ferrari, Red Bull e Lotus. Sia la scuderia di Maranello che  quella campione della classe costruttori sono in difficoltà rispetto al rifiuto della Fia di prolungare i test di Barcellona.

Tutte le squadre scenderanno in pista con le nuove vetture anche all’inizio di marzo, da oggi al 4 marzo, a Barcellona, ma piloti e tecnici speravano che si potesse avere qualche occasione in più sul circuito spagnolo, girando anche il 5 marzo.

Niente da fare: la Fia ha rimandato al mittente le richieste, i test non si prolungano, la deroga non è stata concessa. La scorsa settimana Ferrari, Red Bull, HRT e Marussia avevano inoltrato la domanda ufficiale alla Fia e alle altre squadre.

Il resto del Circus aveva approvato la proposta di un orario elastico: iniziare il 2 marzo e finire 24 ore dopo la fase di test, fermo restando che tutte le squadre dovevano avere a disposizione al massimo 4 giorni.

Tranne la Lotus, questa squadra aveva chiesto di avere un giorno in più per testare la monoposto in virtù dei giorni persi la scorsa settimana.