E’ stato Guido Maria Barilla, presidente della famosa multinazionale alimentare, l’ospite illustre chiamato a tagliare il nastro dell’edizione 2012 del Motor Show di Bologna, insieme a Giada Michetti, amministratore delegato di GL Events Italia, società organizzatrice della manifestazione in corso alla fiera fino al 9 dicembre. L’inno italiano è stato eseguito dalla banda della Brigata paracadutisti Folgore.

L’imprenditore emiliano ha commentato: “Per anni sono stato appassionato di Motor Show e ora sono nella generazione che porta qui i suoi figli. L’auto è un settore strategico per l’Italia, è bello vedere un Salone del genere in un momento come questo. La mia prima volta qui fu molti anni fa: sono venuto almeno sette o otto volte. Sono un appassionato di motori, una passione di famiglia: da ragazzo ho fatto anche qualche gara in moto, mio fratello è stato pilota professionista e il Motor Show per noi è sempre stato un appuntamento importante. La crisi? E’ possibile uscirne con determinazione e con il coraggio di investire sull’innovazione, sulla qualità con marchio italiano dei prodotti e dei servizi come il Motor Show”.

Tra gli ospiti della prima giornata il pilota Vitantonio Liuzzi, Fiona May, Antonio Rossi e Yuri Chechi.

Andrea Amici ha vinto la GT Cup al volante di una Porsche 997 Cup, precedendo Gianluca Nattoni su Ferrari 430. Glauco Solieri si è aggiudicato il Bomboogie GT Challenge, guidando una Porsche 997 GT3, davanti a Roberto Benedetti su Corvette Z06.

La gara delle auto d’epoca, chiamata Historic Challenge, ha visto prevalere Denny Zardo su Osella.

La giornata del 6 dicembre vede in programma le gare dei re del drifting e la competizione di rally S2000.

LINK UTILI

La gallery con le ragazze del Motor Show

Motor Show Bologna 2012: dall’elettrica alla Formula 1, da Loeb a Fisichella

Intervista a Giada Michetti, la Lady del Motor Show di Bologna