Se fino a qualche anno fa non pagare lo spazio per esporre e l’allestimento al Motor Show sembrava un miracolo, oggi è la triste realtà. La conferma è arrivata direttamente dal presidente di BolognaFiere Franco Boni, in occasione di un incontro in comune per discutere dei 123 dipendenti part time che rischiano il licenziamento. Come riportato da La Repubblica Bologna, la scelta di offrire gratis lo spazio e l’allestimento agli espositori è arrivato dopo qualche “notte insonne”, ammettendo come negli ultimi anni il Motor Show sia stato un flop.

Con la decisione di regalare lo spazio alle case auto, l’organizzatore si è giocato una delle ultime carte per convincere i costruttori a partecipare all’edizione 2016 del Motor Show, in programma dal 3 all’11 dicembre. Ad oggi, come ricordato dall’organizzatore, sarebbero 25 le case auto ad aver già confermato la loro presenza e ci sarebbero altre trattative in corso. L’obiettivo degli organizzatori è avere almeno il 60-65% del mercato auto italiano, contro l’attuale 52% di conferme.

Partendo dal presupposto che nessuno spera in un Motor Show all’altezza delle edizioni organizzate da Alfredo Cazzola, anche per quest’anno le aspettative non sono delle più rosee. Parlando di costi, entrare al Motor Show 2016  costerà 22 euro per il ticket in biglietteria, scendendo a 18 euro in caso di prevendita.