Nonostante gli alti e bassi della stagione in corso, la voglia di correre di Valentino Rossi continua ad essere tanta e la data del 2018 (quando scadrà il suo contratto con la Yamaha) potrebbe non coincidere necessariamente con il ritiro dalle corse o dalla MotoGP.

Ad aprire all’ipotesi di un Valentino Rossi in sella anche oltre i prossimi due anni è stato il suo capomeccanico Silvano Galbusera, il quale, date le enormi motivazioni e la competitività che ancora lo caratterizzano, ha messo in dubbio un’uscita di scena del campione di Tavullia al termine della stagione 2018.

A precisa domanda nel dopo gara del Gran Premio di Aragon lo stesso Rossi ha risposto in maniera possibilista riguardo a un prolungamento della sua eccezionale carriera:

Mi piace molto avere un progetto a lungo termine, quest’anno, l’anno prossimo e quello ancora dopo. Poi nel 2018 dovrò pensarci bene e decidere cosa fare. Dipenderà molto dai risultati. È un po’ imbarazzante pensare di continuare a correre anche dopo i 40 anni, ma ci dovrò pensare.

A una certa età gli stimoli diventano in effetti fondamentali per le decisioni di uno sportivo, specie se si tratta di una disciplina impegnativa come il motociclismo. L’impressione è che “Il Dottore” abbia ancora parecchio da dare alla MotoGP e pertanto, se i risultati in pista con la Yamaha dovessero andare nella giusta direzione, l’avventura nel mondo delle due ruote potrebbe continuare ancora per la gioia dei suoi tantissimi tifosi e degli appassionati in generale.