Nel secondo giorno di test a Valencia scendono in pista le Honda che dominano la classifica: nelle prime cinque posizioni ci sono tutte e quattro le moto HRC con il miglior tempo firmato dal neo campione del mondo Marc Marquez: il 20enne catalano ha avvicinato il crono ottenuto sabato in qualifica (1’30.536) sentendosi “più leggero” e mettendo a referto 77 giri guidando ben tre differenti versioni della sua Honda. A tallonarlo, unica moto Yamaha nella top 5, il solito Jorge Lorenzo: il vice campione del mondo ha chiuso la sua due giorni a 232 millesimi dal tempo di Marquez e qualche idea in più su come sviluppare la nuova moto durante l’inverno.

Dietro al maiorchino si piazzano Dani Pedrosa, Stefan Bradl e Alvaro Bautista hanno chiuso rispettivamente in 3ª, 4ª e 5ª posizione staccati di almeno 4 decimi. Valentino Rossi ha chiuso sesto senza migliorare il crono fatto registrare lunedì: “In effetti, e non so perché, è andata peggio del primo giorno. Abbiamo continuato l’apprendistato (con il nuovo capotecnico, ndr) e fatto tante prove per ottimizzare la moto rispetto alla riduzione della benzina”.

Bradley Smith si è avvicinato al Dottore mentre la Ducati continua a faticare. Dovizioso ha provato un nuovo telaio ma il forlivese ha dichiarato che non cambia praticamente nulla. Passo in avanti di Pol Espargaro (Monster Yamaha Tech3) che passa dall’1’33.2 di lunedì all’1’31.8. Meno brillante il suo predecessore Cal Crutchlow che con la Desmosedici ripete praticamente i tempi del primo giorno senza migliorarli. L’ex ducatista Nicky Hayden è ancora indietro con la Honda production di Aspar. Per loro, soprattutto, c’è ancora parecchio da lavorare.

I tempi della seconda giornata:
1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:30.536 75 / 77
2 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 1:30.768 0.232 0.232 58 / 60
3 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 1:30.948 0.412 0.180 67 / 72
4 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 1:30.990 0.454 0.042 57 / 60
5 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 1:31.208 0.672 0.218 41 / 72
6 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 1:31.397 0.861 0.189 77 / 78
7 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 1:31.414 0.878 0.017 56 / 57
8 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 1:31.661 1.125 0.247 55 / 62
9 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 1:31.836 1.300 0.175 66 / 72
10 IANNONE, Andrea Pramac Racing 1:31.844 1.308 0.008 61 / 68
11 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 1:32.114 1.578 0.270 53 / 53
12 PIRRO, Michele Ducati Test Team 1:32.473 1.937 0.359 47 / 65
13 HAYDEN, Nicky Power Electronics Aspar 1:32.576 2.040 0.103 76 / 76
14 HERNANDEZ, Yonny Pramac Racing 1:32.800 2.264 0.224 26 / 27
15 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 1:32.847 2.311 0.047 17 / 18
16 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 1:33.149 2.613 0.302 21 / 34
17 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 1:33.672 3.136 0.523 32 / 43
18 DE PUNIET, Randy Paul Bird Motorsport 1:33.833 3.297 0.161 22 / 37
19 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 1:34.541 4.005 0.708 22 / 23
20 DI MEGLIO, Mike Avintia Blusens 1:34.618 4.082 0.077 29 / 42
NC BAUER, Martin Remus Racing Team
NC AOYAMA, Hiroshi Power Electronics Aspar
NC BARBERA, Hector Avintia Blusens

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook

LINK UTILI

Marquez a 20 anni ha già fatto la storia

La biografia del campione del mondo

Marquez Campione del Mondo: il tweet di Sergio Ramos è un fake

Le parole del campione: “Ho imparato tanto da Lorenzo e Pedrosa”

Valencia: Lorenzo spietato ma Marquez è campione 

Albo d’oro: Marquez succede a Lorenzo

Marquez: un bambino prodigio che polverizzava record su record

Valentino Rossi ha un nuovo capotecnico

MotoGP classifica piloti e classifica costruttori 2013