Sono iniziati a Jerez de la Frontera i test della MotoGP con in pista Honda, Ducati e il team Aspar. Marc Marquez e Dani Pedrosa, che hanno a disposizione tre moto a testa, hanno messo a segno i tempi migliori con il quattro volte campione del mondo unico a scendere sotto al muro dell’1’40″ grazie al crono di 1’39″92. Dietro di lui il compagno di squadra con 1’40”12. Tempi che restano comunque alti considerando che la pole position di Lorenzo a maggio è stata di 1’37”910.

Oltre alle gomme Michelin e alla nuova elettronica, Marquez continua il suo adattamento al propulsore 2016 della RC213V con 65 giri inanellati. Nove giri in meno per Pedrosa che è incappato in una scivolata senza conseguenze all’ultima curva con tanto di moto distrutta.

Vicinissimo a Pedrosa anche la Ducati ufficiale guidata dal collaudatore Michele Pirro. Il pilota pugliese ha fatto segnare un tempo ufficioso di 1’40”2 mentre venerdì arriveranno in Andalusia Andrea Dovizioso ed Andrea Iannone.

Prima uscita con l’elettronica 2016 anche per le altre due moto di Borgo Panigale, le GP14.2 del Team Aspar, con Eugene Laverty e Yonny Hernandez in pista soltanto nel pomeriggio. Stando ai rilevamenti ufficiosi, il più veloce tra i due dovrebbe essere stato il nordirlandese, con il colombiano alle prese con un problema con la scarico nella parte conclusiva della giornata.