Marc Marquez conquista una pole spaventosa a Silverstone. Sul tracciato inglese, il campione del mondo firma con la Honda il tempo stratosferico di 2’00″234 che rappresenta il nuovo record del tracciato. Nelle decisive Q2, il campione del mondo in carica ha messo in riga il maiorchino Jorge Lorenzo, staccato di 0″288, e il suo compagno Dani Pedrosa a 0″482.

In seconda fila Valentino Rossi che occupa la quarta piazza, staccato di sette decimi e seguito da Pol Espargaro e Bradley Smith. L’inglese precede i connazionali Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) e Cal Crutchlow (LCR Honda), con Andrea Iannone (Ducati Team) a chiudere la terza fila con una Ducati apparsa piuttosto in difficoltà su questo tracciato. La GSX-RR di Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR) chiude la Top Ten precedendo le altre due Desmosedici di Yonny Hernandez (Octo Pramac Racing) e Andrea Dovizioso.

Marquez aveva già messo a segno il primato della pista con 2’00″564 per poi ritoccare il tempo di altri tre decimi abbondanti. E nelle ultime libere, aveva rifilato distacchi abissali a tutti con solo Iannone (+0″847) sotto i nove decimi. Avevano poi passato il Q1 il colombiano Yonny Hernandez (Ducati Pramac) con il tempo di 2’01″888 e Aleix Espargaro (Suzuki) con Vinales e Bradl primi degli esclusi. Danilo Petrucci, ottavo nelle prime qualifiche, scatterà dal 18esimo posto in griglia, preceduto dall’altra Ducati privata di Barbera.