CLASSIFICA PILOTI E COSTRUTTORI

IL REPORT DELLA GARA

L’ORDINE D’ARRIVO

Marc Marquez vince a Silverstone!

20/20Marquez sembra poter allungare quel tanto che basta per poter concludere da vincitore il Gran Premio di Gran Bretagna, ed è così che finisce con uno strepitoso Marquez e quasi al fotofinish Jorge Lorenzo con Rossi terzo dopo un mezzo capolavoro, resistendo a Pedrosa quarto e un grande Dovi quinto.

18/20 – Le moto di Marquez e Lorenzo, come le rispettive gomme e i rispettivi piloti, sono al limite. Mancano due giri al termine e i due viaggiano ancora allacciati l’uno all’altro, mentre Pedrosa sopravanza Dovizioso e Bautista purtroppo rovina a terra.

17/20 – Il duello tra Lorenzo e Marquez è appassionante, le loro traiettorie incrociate sembrano descritte da dei passi di danza, fino a quando non si avvicinano e allora il combattimento diventa all’arma bianca e i due fanno a sportellate e marquez che ha la meglio riprendendosi la testa della gara.

16/20 – Classifica dopo 15 giri: Lorenzo, Marquez, Rossi, Dovizioso, Pedrosa, Espargaro, Iannone

15/20 – La battaglia tra i due spagnoli è ben lungi dal trovare conclusione con Marquez che arriva lungo in curva e Lorenzo che ne approfitta per infilarlo. Meraviglia per gli occhi.

14/20 – Mentre Marquez e Lorenzo davanti stanno guidando al limite poiché è estrema la consapevolezza che se si vuole stare davanti bisogna tirare come le bestie, prosegue la bagarre per il terzo posto con Rossi che però sembra poter tenere a bada Dovi e Pedrosa.

13/20 – Ed ecco al tredicesimo giro che i due spagnoli in testa alla gara cominciano a ingaggiare una battaglia annunciata: Marquez raggiunge Lorenzo e lo infila nell’interno per un sorpasso sublime.

12/20 – Il ritmo di Lorenzo è davvero forsennato, il maiorchino della Honda HRC ha tutta l’intenione di allungare su Marquez che naturalmente non molla mentre Pedrosa incomincia a evidenziare problemi visto che viene sopravanzato in rapida successione da Rossi e Dovizioso.

11/20Smith dopo una bella gara casalinga è costretto al ritiro, problema tecnico mentre le prime cinque posizioni rimangono invariate.

9/20 – Mentre Lorenzo e Marquez non sono ancora arrivati ai ferri corti, la battaglia per la terza posizione tra Pedrosa, Rossi e Dovizioso comincia ad entusiasmare.

8/20Rossi fatica a raggiungere i due di testa e deve guardarsi da Pedrosa che sta girando più veloce che gli arriva alle spalle e non si fa pregare molto per prendergli l’interno. Anche Dovizioso è lì e non ha nessuna intenzione di mollare.

7/20Lorenzo non riesce a fuggire da Marquez ma quest’ultimo non riesce ad accorciarlo come vorrebbe, ne approfitta Rossi per rosicchiare qualche decimo.

6/20 – Classifica dopo 5 giri: Lorenzo, Marquez, Rossi, Dovizioso, Pedrosa, Smith, Iannone. Belle le bagarre tra Pedrosa e Dovizioso con lo spagnolo che lo passa e Iannone con Smith con l’italiano che emula alla perfezione Pedrosa.

5/20Rossi tenta di allontanarsi dopo aver superato Dovizioso e intanto Pedrosa si avvicina. Marquez tenta l’avvicinamento a Lorenzo ma il maiorchino ha un gran passo.

4/20Rossi si appresta a sferrare l’attacco a Dovizioso, inizia l’inevitabile contesa per la terza posizione tra i due italiani. Pedrosa ne approfitta per avvicinarsi. Serve un sorpasso capolavoro a Valentino per portarlo davanti a Dovizioso, normal prassi amministrativa per il Dottore.

3/20Marquez si avvicina pericolosamente a Lorenzo mentre Dovizioso e Rossi recuperano nei confronti dei due di testa.

2/20Rossi al quarto posto se la deve vedere con un aggressivissimo Aleix Espargaro che però dopo un tentativo di sorpasso al pesarese deve cedere la posizione a Pedrosa, mentre Lorenzo e Marquez là davanti tentano la fuga.

1/20 – Parte benissimo Lorenzo, Marquez è dietro e poi a pochi millimetri Dovizioso. Più indietro Rossi che parte aggressivo e poi Pedrosa. Ed è subito gran bagarre.

Attenzione, si accendono i semafori e… PARTITI!

Molto bene Marquez anche nel warm-up della mattinata, solo un tiepido ricordo la scivolata alla curva 14 capitatagli nel weekend di qualifica. Bene anche Lorenzo che ha fatto registrare tempi estremamente vicini a quelli di Marquez, viatico interessantissimo per incominciare a sognare una grande battaglia tra titani nel tracciato britannico. Più attardati, come nel weekend, Pedrosa e Rossi. Tutte gomme medie nell’anteriore faccia eccezione per Bradley Smith. Giro di riscaldamento e si parte.

Mentre mancano solo dieci minuti allo spegnimento dei semafori rossi con una situazione atmosferica insolitamente soleggiata (ma qui a Silverstone non si può mai sapere), la Moto2 festeggia il trionfo di Rabat nel circuito inglese, seguito da Mika Kallio e l’altro spagnolo Viñales a completare il podio. Neanche a farlo apposta, un ordine d’arrivo che ricalca per filo e per segno i piazzamenti della classifica generale.

Dopo dieci sinfonie trionfali consecutive e una stecca (quarto posto rimediato in Repubblica Ceca), se vogliamo considerarla tale, Marc Marquez (foto: Facebook) non ha più nulla da dimostrare, ma a Silverstone vuole comunque tornare a fare quello che sa fare, ovvero correre e vincere, tanto per zittire tutte quelle voci che alludono a un Mondiale riaperto. Weekend di qualifiche ancora sotto il segno (o i segni) della sua Honda HRC con la quale conquista la decima pole stagionale davanti a un super-Dovizioso che lo segue in griglia (QUI LA GRIGLIA DI PARTENZA). Lorenzo completa la prima fila e ha deciso di punto in bianco di non voler recitare il ruolo di comprimario andando alla caccia della sua prima vittoria in stagione. Stesso discorso per Valentino Rossi che però è in netto ritardo con i tempi (complice una pista piena di buche e avvallamenti) e partirà dalla seconda fila in sesta posizione.

Record

Giro veloce: 2013 Marc MARQUEZ (SPA) Honda 2’00.691 175.9 km/h
Record Circuito: 2013 Dani PEDROSA (SPA) Honda 2’01.941 174.1 km/h
Best Pole: 2013 Marc MARQUEZ (SPA) Honda 2’00.691 175.9 km/h
Top Velocità: 2013 Stefan BRADL (GER) Honda 326.3 km/h

Qualche Informazione sul Circuito

Lunghezza: 5.900 m / 3.666 miles

Larghezza: 17m

Curve a sinistra: 8

Curve a destra: 10

Il rettilineo più lungo: 770 m / 0.478 miles

Costruito: 1948

Modificato: 2011

Lunghezza gara: 20 giri – 118.0 Km

Con più di 60 anni di storia, Silverstone è diventato uno dei più prestigiosi circuiti del mondo dei motori. Completamente rinnovato nelle recenti annate, un investimento multimilionario ha permesso varie migliorie a partire dal 2010, che hanno reso la pista inglese tra le più veloci del calendario MotoGP. Il “Silverstone Wing”, un pezzo d’arte moderna, una nuova Pit Lane e un nuovo complesso per il paddock completano l’opera.

È scattato il conto alla rovescia per il dodicesimo Gran Premio della stagione della MotoGP in programma sul tracciato di Silverstone. Il GP della Gran Bretagna sarà visibile in esclusiva solo su Sky o in streaming ma Leonardo.it ve lo racconterà in diretta giro per giro. Restate con noi! Appuntamento dalle 13:55!

LEGGI ANCHE

MotoGP Silverstone 2014 qualifiche: Marquez decima pole, Dovi secondo, Rossi sesto

Griglia di partenza MotoGP Silverstone 2014: le qualifiche del GP della Gran Bretagna

MotoGP Brno 2014: il sollievo e la rabbia di un campione del mondo