MotoGP Sepang 2017 - In Malesia succede quello che in molti sognavano, ma che in pochi si aspettavano. Il titolo mondiale verrà assegnato all’ultima gara, quella di Valencia. Il motivo è semplice, Andrea Dovizioso va a vincere una corsa difficile, complessa, mentre Marc Marquez va incontro ad una gara non eccezionale. Per il Dovi è la sesta vittoria stagionale, conquistata su una pista amica del forlivese, che dodici mesi prima, proprio a Sepang era tornato alla vittoria nella classe regina dopo anni di digiuno. Fu il suo primo successo in sella alla Ducati. Un anno dopo la storia è totalmente diversa, questo gradino più alto del podio ha un sapore diverso, in palio c’è qualcosa di impensabile e inaspettato, ovvero la chance di giocarsi il titolo mondiale.

Un trionfo di Ducati

Non è stata una vittoria solo di Andrea Dovizioso, ma di tutta la Ducati. Infatti la Casa di Borgo Panigale porta sul podio anche Jorge Lorenzo, che conquista il secondo posto. Il duello per la vittoria avviene proprio tra i due alfieri delle Rosse italiane. Il momento chiave è a cinque giri dalla fine della gara, quando all’ultima curva Jorge Lorenzo compie un piccolo errore, andando largo. In quel momento Dovizioso coglie l’occasione, si infila e passa al comando della corsa. L’italiano non molla più la prima posizione fino alla bandiera a scacchi. In molti parleranno di un gioco di squadra tra i due, ma vista la posta in palio non è impossibile da pensare ed è stato un comportamento lecito. Il grande rivale per il titolo, Marc Marquez, è arrivato solamente quarto, anche se nelle prime battute ha provato a stare davanti a tutti. Dopo questo risultato sono 21 i punti che separano Dovizioso da Marquez, l’appuntamento per l’assegnazione del titolo mondiale avverrà a Valencia. A Marquez basterà entrare nei primi undici posti per laurearsi campione con una vittoria di Dovizioso. Il podio di Sepang è stato completato da Zarco, un altro ottimo risultato per il francese. Rossi e Vinales sono finiti lontani, evidenziando ancora una volta il calo repentino delle prestazioni delle Yamaha 2017. Il pilota di Tavullia termina settimo, Vinales nono alla spalle di Miller. Menzione di merito per Danilo Petrucci che conquista un sesto posto dopo una rimonta frenetica e spettacolare.