Marc Marquez diventa il primo pilota della storia a scendere sotto il muro dei 2 minuti sul circuito di Sepang. Nello spettacolare Q2 della MotoGP che ha deciso la griglia di partenza, il campione del mondo ha conquistato in Malesia la sua 13esima pole stagionale davanti a Dani Pedrosa e a Jorge Lorenzo. Nonostante una scivolata nelle ultime libere, il fenomeno di Cervera compie un giro capolavoro mettendosi dietro il compagno di squadra, imbattibile nelle sessioni di libere sull’asciutto e più veloce del record dello scorso anno.

Lorenzo, primo venerdì sul bagnato, è il primo pilota Yamaha e precede Stefan Bradl (LCR Honda) che approfitta della scia di Marquez e chiude a sei decimi dalla pole. Buon quinto posto per Andrea Dovizioso che nel finale sfrutta la gomma morbida e la maggior maneggevolezza della sua Ducati guadagnando la seconda fila. Il forlivese precede di 37 millesimi il nove-volte campione Valentino Rossi mentre Aleix Espargaró (NGM Forward Racing) si conferma la miglior Open in pista.

Ottava l’altra Desmosedici ufficiale di Cal Ctruchlow davanti al suo connazionale Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3), Alvaro Bautista (GO&FUN Gresini) e Hiroshi Aoyama (Drive M7 Aspar) che oggi compie 33 anni. Non sarà della gara Andrea Iannone (Pramac Racing), troppo dolorante al braccio sinistro dopo l’incidente di sabato con Marquez. Il pilota di Vasto ha saltato le qualifiche ed è già rientrato in Italia. In dubbio anche Pol Espargaró, caduto rovinosamente nelle ultime libere. La frattura al secondo metatarso del piede sinistro preoccupa, si attende il responso medico prima della gara.

Foto Facebook Marc Marquez

LEGGI ANCHE

MotoGP Sepang 2014: l’omaggio del paddock a Marco Simoncelli

Simoncelli anniversario morte: il SIC vive ancora attraverso la sua Fondazione