Complicarsi la vita sembra essere un rito in casa Dorna, la società spagnola che organizza il Motomondiale (e anche il Mondiale SBK). Dopo l’avventura con le CRT, affiancate alle Factory, quest’anno sarà la volta delle Open, che punta a ridurre ulteriormente i costi. Se due categorie non bastavano, ne è in arrivo una terza, un affollamento mai visto prima nella classe regina delle due ruote. La neonata Factory 2 è prossima ad entrare in vigore (martedì 11 marzo l’ufficializzazione previa voto delle case) soprattutto per via delle rimostranze fatte da Yamaha e soprattutto da Honda che accusa Ducati di aver tradito lo spirito della Open.

Aggiungetevi gli ottimi risultati di Aleix Espargaro con la Yamaha Forward nei test e l’irritazione di Shuhei Nakamoto, vicepresidente della Honda HRC: “Non stanno rispettando lo spirito Open, Forward ha la M1 ufficiale del 2013″ (venduta a 800 mila euro ma che rispetta il nuovo regolamento). L’ultimo screzio che ha coinvolto il numero uno di Honda era nato solo pochi giorni fa con una battuta (ma non troppo) del boss di Dorna Carmelo Ezpeleta: “Se Nakamoto vuole andare in SBK, faccia pure. Tanto anche lì dovrà sedersi al tavolo con me” aveva detto ad AS.

Una strada, quella della Open, definitivamente scelta dalla Ducati. Ed ecco che Ezpeleta e soci hanno pensato alla Factory 2, per non favorire troppo Borgo Panigale e venire un po’ incontro ai colossi giapponesi, Honda in primis. Il format dovrebbe essere questo: chi inizia il Mondiale come Open, ad esempio Ducati, dopo una vittoria (o due secondi posti o tre terzi posti) va incontro a due restrizioni con i litri che scendono da 24 a 22,5 e i motori a disposizione passano da 12 a 9. Salva la gomma super soft per le qualifiche. Ducati non vuole perdere l’evoluto software e dovrebbe accettare. Con buona pace delle altre Open, tra cui il team Forward, e degli appassionati che oltre all’abbonamento di Sky (CLICCA QUI PER I DETTAGLI), da quest’anno dovranno munirsi anche di calcolatrice.

LEGGI ANCHE

MotoGP Open 2014: alla scoperta del futuro della classe regina

MotoGP test 2014: il programma e le date della sessione invernale

Marquez si rompe il perone ma ci sarà in Qatar

Droga dalla Dakar: sequestro record di cocaina in Francia