Marc Marquez è il più veloce nelle qualifiche del sabato, riuscendo a stampare sul cronometro un nuovo record sul circuito tedesco di Sachsenring: 1’20″336. Un tempo stellare se pensiamo che Lorenzo, in terza posizione, e Rossi, solo sesto, hanno fermato il cronometro, rispettivamente, a 585 millesimi e a quasi nove decimi di distanza.

Una prova straordinaria quella del campione della Honda. Un segnale di forza che fa intendere che Marc Marquez è tornato e vuole vincere. Per la verità lo avevamo capito già sul tracciato di Assen. In quell’ultima curva c’era tutta la grinta, l’energia e l’entusiasmo di un giovane pilota che non si arrende mai. Quest’oggi abbiamo avuto solo una conferma di quanto il due volte iridato sia in forma e sia ancora in corsa per il Mondiale di MotoGP.

Le Honda sono al top della forma, non solo per Marquez ma anche per il secondo posto di Dani Pedrosa. Il secondo pilota del team targato Repsol è riuscito nella non facile impresa di stare davanti a Lorenzo. La gara darà il verdetto finale ma le premesse per la squadra di Livio Suppo sono molto positive.

Jorge Lorenzo chiude una prima fila tutta spagnola. La sua Yamaha si è piazzata terza ma dovrà lavorare sodo se vorrà vincere, per la prima volta, sul circuito di Sachsenring. Quasi sei decimi di distacco non sono pochi ma non sono nemmeno un’infinità. Il margine può essere colmato, l’importante sarà partire bene e non perdere di vista il giovane iridato con il numero 93.

Non se la passa benissimo Valentino Rossi. Il “dottore” di Tavullia esce molto meno felice rispetto a due settimane fa ad Assen, in Olanda. La distanza di quasi un secondo da Marquez è davvero molta, non sarà facile per lui e il suo team lavorare per accorciare il gap. Anche se, come è ormai noto, Rossi è capace di qualsiasi tipo di magia nel giorno della gara.

Bene le Ducati di Andrea Iannone, al quarto posto, e di Yonni Hernandez (in sella alla Pramac), quinto sulla griglia di partenza. Il compagno di squadra dell’abruzzese, Dovizioso, ha chiuso le qualifiche in undicesima posizione, molto lontano dai più veloci. Dietro Rossi (sesto) ci sono, rispettivamente, Aleix Espargaro e suo fratello Pol, Bradley Smith e Cal Crutchlow.